Passa in commissione urbanistica regionale la bozza del "Piano casa"

La convocazione a sorpresa di sabato fa storcere il naso all'opposizione. Solinas comunque ha detto che in aula la Giunta presenterà degli emendamenti per sostenere "l'irrinunciabile valore della difesa delle coste"

CAGLIARI: Passa in commissione urbanistica, convocata un po' a sorpresa visto che oggi 12 dicembre è sabato,  l’ultima bozza del Piano casa. Ora il testo va  in aula del Consiglio regionale, per l'approvazione. Aula che dovrebbe essere convocata a ridosso di Natale. Il governatore Solinas ha fatto sapere comunque che la Giunta regionale in aula presenterà alcuni emendamenti per «riportare la proposta all’interno di un valore irrinunciabile, la difesa delle coste», le parole del presidente. Malumori in seno all'opposizione che si chiede il perché di questa convocazione lampo della commissione.

Il disegno di legge prevede incrementi volumetrici in case e alberghi nella fascia protetta dei 300 metri dalla battigia. L'approdo tra i banchi del Consiglio regionale è programmato per il 23 dicembre. Secondo il testo approvato gli incrementi negli alberghi sono consentiti sino al 25% nella fascia e sino al 50% oltre i 300 metri. Il Piano casa prevede bonus fino al 25% (massimo 90 metri cubi) nei centri storici, e sempre fino al 25% negli altri quartieri (massimo 180 metri cubi), nonché la trasformazione in unità residenziale di seminterrati, pilotis e piani terra (ma non nelle zone F turistiche).

Novità anche sull'agro: basterà essere proprietari di un ettaro per poter edificare, e non c'è bisogno di essere agricoltori professionisti. Spazio anche per una norma anti-Covid che prevede l'incremento fino al 50% di hall e spazi comuni negli alberghi. Relatore di maggioranza sarà il presidente della commissione Giuseppe Talanas (Forza Italia), di minoranza il consigliere del Pd Valter Piscedda.

«Dall'Aula uscirà un testo che servirà alle nostre comunità - commenta l'assessore dell'Urbanistica Quirico Sanna - un testo che rispetterà l'ambiente ma soprattutto libererà la Sardegna dalla disperazione e dalla disoccupazione, sarà uno dei volani di ripresa che stiamo attuando». (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes