Rallenta la campagna vaccinale: domenica solo 6mila dosi inoculate nell'isola

Crollo delle somministrazioni dopo le oltre 12mila di sabato. Via alle prenotazioni per gli over 50 in Italia, ma la Sardegna è ancora alle prese con l'immunizzazione dei fragili

CAGLIARI. Rallenta nuovamente la campagna vaccinale in Sardegna: dopo le oltre 12mila dosi inoculate sabato, ieri si è scesi a 6.345 passando, come riporta il monitoraggio del Governo nella piattaforma in tempo reale, dalle 590.012 di ieri alle 596.357 di questa mattina alle 6.13. Complessivamente nell'Isola è stato inoculato il 79,5% delle 749.940 dosi consegnate dalla struttura commissariale guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo che proprio oggi 10 maggio ha dato il via alle adesioni per gli over 50.

Non tutte le regioni, però, si sono adeguate e tra queste la Sardegna che è arrivata all'appuntamento quando ancora sta concludendo la vaccinazioni di categorie prioritarie come i fragili. Il Commissario Ares-Ats Massimo Temussi, già ieri aveva spiegato che «con i diabetici, inseriti di recente, in tutto circa 120mila persone, a oggi circa la metà ha ricevuto la prima dose. Serviranno ancora minimo due settimane per chiudere».

Ad oggi sono 113.877 i soggetti fragili e i Caregiver che hanno avuto almeno la prima dose di vaccino Pfizer o Moderna, mentre rispetto alla popolazione le dosi somministrate in rapporto agli abitanti raggiungono quota 36,6%, di cui prima dose e monodose 25,9% e seconda dose 10,7%. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes