La Nuova Sardegna

I dolci sardi alla conquista del web

di Alessandro Pirina
I dolci sardi alla conquista del web

Nel sito della pasticceria algherese Bon Bons si possono scegliere   i prodotti tipici da acquistare  I box spediti in tutto il mondo

08 ottobre 2021
3 MINUTI DI LETTURA





La scommessa è esportare nel mondo il sapore della tradizione dei dolci sardi. Per ora si va alla conquista delle tavole degli italiani. E in vetrina finiscono le specialità algheresi nella manifestazione “Le piazze dei sapori”, evento enogastronomico che riunisce a Verona le eccellenze di tutta Italia: prodotti Dop, Docg, Doc, ma anche particolarità sconosciute al grande pubblico che risvegliano, in questo modo, gusti dimenticati. Tra i rappresentanti della Sardegna anche la storica pasticceria algherese Bon Bons, selezionata per rappresentare l’isola alla diciannovesima edizione della rassegna andata in scena l’ultima settimana di settembre. Una vetrina preziosa e prestigiosa per i prodotti sardi grazie agli oltre 100 mila visitatori registrati durante l’intensa tre giorni, con 210 chili di dolci consumati.

«È stato un onore partecipare – spiega Marco Coronzu, titolare insieme al fratello Francesco di Bon Bons – e alla luce di questa esperienza siamo sempre più motivati a lavorare su progetti che ci aiutino a far conoscere, a un pubblico sempre più vasto, le eccellenze della nostra isola».

Un successo che è figlio dell’apertura dell’azienda al mondo digitale: Bon Bons ha infatti lanciato, con il sostegno della Camera di Commercio di Sassari, il primo e-commerce dedicato alla pasticceria tradizionale sarda e sardo-catalana. Attraverso una piattaforma digitale la vendita dei prodotti si estende ora a tutta Europa, spalancando le porte a una nuova rete di contatti che ha reso possibile la partecipazione della pasticceria alla kermesse veronese, e che ha portato a nuove richieste anche da Friuli e Lombardia. Con in prospettiva l’obiettivo di un aumento della produzione e dei posti di lavoro.

Bon Bons è una delle più longeve pasticcerie sarde tradizionali, gestita dall'ultima di quattro generazioni che negli anni hanno custodito le ricette e portato instancabilmente avanti il sapere culinario della bisnonna Cià Antonica, fatto di autenticità, artigianalità e qualità. Il laboratorio, nato più di 30 anni fa per volontà di Maria Antonietta, madre dei fratelli Coronzu, è cresciuto con l’ambizione di migliorare, senza mai perdere, però, quel carattere sincero e genuino, che oggi viene raccontato anche attraverso i social.

«Il sogno di Bon Bons – aggiunge Coronzu - è quello di continuare a preparare i dolci con le ricette ereditate, ricercando e utilizzando sempre più ingredienti a chilometro zero, così da poter rispettare l’autenticità, l’artigianalità e la qualità che sempre li ha contraddistinti».

Una lunga tradizione cui si affiancano le possibilità delle nuove tecnologie. Su www.bonbonsdolcisardi.it sarà infatti possibile comporre golosi box selezionando i propri dolci preferiti tra un vasto assortimento: oltre ai protagonisti della tradizione sarda come i papassini, le gallettinas, i piricchitti, saranno disponibili anche le prelibatezze tipiche di Alghero come gli ous de butxaca, delle brioches di pane all’anice ricoperte di glassa, o les tabaqueres sfoglie di pasta violata con un dolce ripieno di crema di menjar blanc.

Tra le opzioni offerte dall’e-commerce anche quella di poter inviare il box come regalo a chi si desidera, personalizzandola con un proprio messaggio. «La nostra pasticceria storica – conclude Coronzu – grazie agli strumenti offerti dai bandi della Camera di Commercio della provincia di Sassari, si proietta nel mondo digitale. Sull’e-commerce della nostra pasticceria si potrà scegliere e acquistare in modo semplice e veloce dal produttore direttamente al consumatore, senza intermediari. Anche chi vive lontano da Alghero potrà gustare i nostri dolci in qualsiasi momento o inviarli come dono in tutto il mondo».



In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative