La Nuova Sardegna

Ecoturismo

Glamping, la nuova frontiera dell’ospitalità: comodità e stile anche in campeggio

di Claudio Zoccheddu
Glamping, la nuova frontiera dell’ospitalità: comodità e stile anche in campeggio

L’esordio della start up Kampaoh sull’isola. Boom di prenotazioni. A Valledoria e Pula le prime strutture ma dal prossimo anno aumenteranno

12 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Un angolo di tranquillità a contatto con la natura in cui però non si deve scendere a patti con il comfort. Anzi, le comodità sono incluse nel prezzo. Modico, tra l’altro. Si chiamano “glamping”, crasi dei termini “glamour” e “camping” ma si leggono come una nuova frontiera del turismo organizzato. Perché chi frequenta il glamping non deve rinunciare al fascino della vita all’aria aperta ma nemmeno alle comodità di una sistemazione che ha lo stesso coefficiente di comfort di un piccolo appartamento. E, in più, trova la tenda già montata. Nell’isola questo tipo di strutture sono una novità ma hanno già affascinato turisti e locali. Lo sanno bene i ragazzi di Kampaoh, la start up spagnola che ha scommesso sull’isola realizzando due glamping, a Valledoria e a Pula, aperti da pochissimo ma già protagonisti di un piccolo fenomeno turistico. Se poi si aggiunge l’ecosostenibilità della struttura, completamente amovibile, gli ingredienti per un cocktail di successo ci sono tutti.

Cos’è Kampaoh Gli specialisti del glamping hanno in realtà una storia molto recente, quasi come la loro carta d’identità, visto che sono tutti giovanissimi: «Kampaoh è nata nel 2016 dall’idea di Salva Lora Gonzalez, il nostro Ceo – spiega Simone Abrate, della struttura di Valledoria –. Tutto è iniziato da un campeggio di Cadiz con 4 tende della Decathlon, tutte dotate di materassi e lenzuola. Dopo un mesetto, il campeggio che lo ospitava gli ha chiesto di montare altre tende. È finita che hanno chiuso la stagione con una marea di tende». Poi, il passo in avanti: «Abbiamo iniziato a disegnare e realizzare in autonomia le nostre tende, che sono quelle che oggi offriamo ai clienti ma ne abbiamo anche altre, con bagno e doccia, che per il momento in Sardegna non siamo riusciti a montare per problemi logistici e autorizzativi». Il bagno in comune tipico dei campeggi non ha rovinato l’esordio nell’isola: «La nostra stagione è partita in ritardo, verso la fine di luglio, e la pubblicità è arrivata a metà luglio. Eppure – aggiunge Simone – siamo molti soddisfatti di come è andata la stagione». Ma questo per Kampaoh è stato anche l’anno dell’espansione: «Abbiamo aperto in Portogallo, Francia e Italia, partendo dalla Sardegna. L’obiettivo sarebbe arrivare a 15 o 20 campeggi». Che non significa realizzare dal nulla nuove strutture ricettive. Kampaoh, infatti, si appoggia a campeggi già esistenti, come ha fatto a Valledoria con il camping “La foce”: «Generalmente affittiamo parti del camping, intere aree o gruppi di piazzole – spiega ancora Simone Abrate – ma si possono formulare anche altri tipi di accordo, dipende». Sono solo due le cose da cui gli spagnoli dei “glamping” non possono prescindere: «La tranquillità dei nostri ospiti, lavoriamo soprattutto con famiglie o coppie, e l’ecostenibilità delle nostre strutture. Chi sceglie Kampaoh deve poter spendere il suo tempo avvolto dalla tranquillità». Un dettaglio che può essere toccato con mano proprio a a Valledoria, dove Kampaoh ha scelto un’area periferica del campeggio e dove il silenzio è interrotto solo dal canto delle cicale. Scegliere il glamping per celebrare feste o ricorrenze di gruppo, insomma, potrebbe non essere una scelta azzeccata.

Le tende Sono loro le star del campeggio. Per prima cosa, chi prenota le trova già assicurate ai picchetti e pronte all’uso. Ce ne sono da due, quattro o sei posti. Anche le più piccole sono studiate in modo da poter stare in piedi al loro intero. E poi ci sono i comfort: dal comodo letto (con cuscini) all’elettricità, dall’appendino per i vestiti al ventilatore anti afa. Ma c’è anche possibilità di avere il frigorifero e altri dettagli che rendono la vacanza molto più comoda, come posate e stoviglie, di quella che in genere si associa all’idea di campeggio.

In Primo Piano
La tragedia

Terribile schianto nella notte: due morti a Escalaplano. Gravi due bambini

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative