La Nuova Sardegna

Prezzi alle stelle

Caro spesa: a Sassari e a Cagliari un chilo di pane costa come a Milano

di Salvatore Santoni
Caro spesa: a Sassari e a Cagliari un chilo di pane costa come a Milano

Osservatorio ministeriale: in 2 anni aumenti medi al 45 per cento nel Nord dell’isola

15 ottobre 2023
4 MINUTI DI LETTURA





Sassari Più 45 per cento nel Nord e più 32 nel Sud. Sono questi gli aumenti sul prezzo del pane registrati nell’isola negli ultimi due anni. Significa che un chilo di pane comprato a Sassari e a Cagliari costa più che a Roma, Palermo e Napoli. È questo il dato che svetta tra i numeri dell’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico presentati dalla Coldiretti, che in questi giorni è impegnata nel suo “villaggio” di Roma che anticipa la Giornata mondiale dell’alimentazione. I numeri del pane fanno il paio con i costi alle stelle del resto del carello della spesa.

Il grano L’incidenza del costo del grano sul prezzo del pane è diventato sempre più marginale, come dimostra anche l’estrema variabilità delle quotazioni al dettaglio lungo la Penisola mentre quelli del grano sono influenzati direttamente dalle quotazioni internazionali. Secondo le elaborazioni della Coldiretti, a Milano una pagnotta da un chilo costa 4,33 euro, a Roma si viaggia sui 3,25 euro, a Bologna siamo a 5,14 euro, a mentre a Palermo costa in media 4,14 euro al chilo, a Napoli 2,26 euro. Cosa significa questo? Che i prezzi al consumo non sono mai calati negli ultimi anni nonostante la forte variabilità delle quotazioni del grano.

Pane “salato” Non fa eccezione la tendenza registrata in Sardegna. I dati contenuti nella banca dati ministeriale, che riportano le rilevazioni su base provinciale, confermano infatti i numeri degli aumenti del pane ma, più in generale, anche quelli di un “caro spesa” nell’isola già raccontato nei giorni scorsi nell’inchiesta della Nuova Sardegna. Tra il gennaio del 2021 e l’agosto del 2023 il prezzo di un chilogrammo di pane fresco venduto nella provincia di Sassari è passato da 2,90 a 4,21 euro; a Cagliari da 3 euro a 3,98 euro. Si tratta rispettivamente di un incremento del 45 e del 32 per cento.

Rincari monstre Diciassette volte: è questo l’aumento del prezzo registrato dal grano al pane, tenuto conto che per fare un chilo di pane ne occorre circa la stessa quantità di grano, dal quale si ottengono 800 grammi di farina da impastare con l’acqua per ottenere un chilo di prodotto finito, con una forbice che non è mai stata così ampia. Tutta colpa dell’inflazione media registrata nei primi otto mesi dell’anno dall’Istat. Un chilo di grano viene pagato oggi agli agricoltori circa 24 centesimi, il 32% in meno rispetto allo scorso anno, mentre la stessa quantità di pane viene venduta ai consumatori a prezzi che variano dai 3 ai 5 euro a seconda delle città.

Meno pagnotte L’analisi della Coldiretti fa emergere un altro dato preoccupante: non c’è mai stato così poco pane sulle tavole degli italiani. I consumi sono crollati al minimo storico ad appena 80 grammi a testa al giorno, con l’addio ad una pagnotta su 3 (-33%) in poco più di un decennio.

Olio evo Nel Sassarese nel gennaio del 2022 un litro di olio extravergine di oliva era quotato mediamente 5,15 euro al litro. Nelle rilevazioni dello scorso mese di agosto è passato a 7,54 euro. Nello stesso periodo nella provincia di Cagliari si è passati da 5,97 a 8,02 euro.

Acqua e pasta Per acquistare un chilogrammo di pasta di semola di grano duro nel Sassarese si spendeva 1,80 euro, ora ne servono almeno 2. Nel Cagliaritano, invece, l’aumento rilevato è di 39 centesimi, da 1,95 a 2,34 euro. L’acqua minerale – che per ragioni ignote nell’Osservatorio ministeriale viene valutata a blocchi di 900 cl invece che a litri – è passata da 2,05 a 2,50 euro nel Sassarese e da 2,15 a 2,75 nel Cagliaritano.

Latte e miele Nei venti mesi presi a riferimento il miele è aumentato di quasi 3,70 euro al chilo nel Sassarese e di 1,40 nel Cagliaritano. Nel Nord dell’isola il prezzo medio del latte scremato a lunga conservazione è passato da 0,82 a 1,11 euro; nel Sud da 0,71 a 0,97 euro.

Carne e tonno La carne fresca di bovino adulto in provincia di Sassari costava 14,61 e ora 16,99; nel Cagliaritano è passata da 15,42 a 17,41. Aumentata anche la carne di suino: nel Sassarese da 6,82 a 8,35 euro; nel Cagliaritano da 7,49 a 8,46 euro. Il costo medio di chilogrammo di tonno in scatola è aumentato di 1,30 euro nel Nord e di 2,50 nel Sud.

Frutta Per quanto riguarda l’ortofrutta, invece, nel Cagliaritano spicca l’aumento dei kiwi verdi, che tra gennaio e agosto del 2023 sono passati da 4,24 a 6 euro al chilo. Nello stesso periodo nel Sassarese le mele Golden delicious sono passate 2,34 a 2,63 euro.


 

In Primo Piano
Trasporti

Aeroitalia saluta Alghero: «Costi troppo alti impossibile proseguire»

di Claudio Zoccheddu
Sardegna

Sassari, oltre duemila persone in piazza d'Italia per l'Otello

Le nostre iniziative