La Nuova Sardegna

Centrodestra nel caos

Strappo a destra. Matteo Salvini: per noi c’è solo Christian Solinas


	Da sinistra Giorgia Meloni, Christian Solinas e Matteo Salvini durante la campagna elettorale delle Regionali del 2019
Da sinistra Giorgia Meloni, Christian Solinas e Matteo Salvini durante la campagna elettorale delle Regionali del 2019

Elezioni regionali. Passo indietro, il leader della Lega contesta Paolo Truzzu

08 dicembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Non ci sta a passare come l’affossatore del governatore. Matteo Salvini, nega che ci sia un accordo definitivo con la premier Giorgia Meloni e con il leader di Forza Italia Antonio Tajani per lanciare Paolo Truzzu alla guida del centrodestra in Regione. Il numero uno della Lega con una nota ufficiale ribadisce la posizione del Carroccio. “La Lega sostiene che il centrodestra unito debba sostenere gli attuali governatori. In particolare, la Lega ha già chiari anche i nomi per gli aspiranti consiglieri regionali. Le liste sono chiuse al 90% e sono competitive”. 

In altre parole Salvini ritorna in un infinito gioco dell’oca alla casella di partenza. E il centrodestra nell’isola rischia di inchiodarsi sul nome del candidato governatore. Nelle prossime ore si capirà se la Lega sarà costretta a cedere sulla leadership. Anche perché la scelta non riguarda solo la Sardegna.  Nei prossimi mesi andranno al voto anche Basilicata e Abruzzo, Piemonte e Umbria.

Anche Fratelli di Italia ormai ha deciso il suo nome e non sembra intenzionato a fare sconti sulla Sardegna. Forte anche della sua leadership all’interno del centrodestra, il partito di Giorgia Meloni è pronto a far sentire tutto il suo peso. Lo strappo sembra inevitabile.

Elezioni regionali 2024
Le dichiarazioni

Elezioni in Sardegna, Alessandra Todde: «Orgogliosa di essere la prima donna presidente»

Le nostre iniziative