La Nuova Sardegna

Elezioni regionali 2024
Verso le elezioni

Alleanza RossoVerdi, in campo contro l’emergenza povertà

Alleanza RossoVerdi, in campo contro l’emergenza povertà

Cartello con Sinistra, Possibile, Europa Verdi e Centro democratico

03 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Cinque consiglieri regionali uscenti, tutti ricandidati, diversi amministratori comunali, soprattutto sindaci, e molti esponenti di primo piano della società civile. Le otto liste negli otto collegi elettorali messe in campo dall’Alleanza RossoVerdi, che fa parte della coalizione di centrosinistra guidata dalla candidata presidente Alessandra Todde, racchiudono tutte le anime del cartello politico in cui si riconoscono: Sinistra Italiana, Possibile, Sinistra sarda, Europa Verdi e Centro democratico.

«Siamo stati il secondo gruppo di opposizione più numeroso – sottolinea Thomas Castangia uno dei portavoce – e abbiamo contrastato in tutti i modi possibile il centrodestra, in particolare la giunta Solinas, la peggiore nella storia dell’Autonomia».

Ora, non lo nasconde certo, l’Alleanza ha l’ambizione di governare la Regione. «Il centrosinistra – sostiene Christian Locci, segretario di Sinistra Italiana – ha tutte le carte in regole per vincere le elezioni. I nostri candidati sono un mix perfetto fra l’esperienza e la novità, e poi in Sardegna, lo sappiamo bene, esiste una gran voglia di sinistra».

Al programma elettorale l’Alleanza ha contribuito con quelli che da sempre sono dei punti fermi per «chi pensa e fa cose di sinistra». Ad esempio: sostenere e difendere i diritti di tutti, mentre – rilanciano – «in questi ultimi cinque anni, il centrodestra s’è preoccupato molto di portare avanti gli interessi degli amici degli amici».

Oggi la vera alternativa – si legge in uno dei loro manifesti elettorali – è invece «quella di occuparsi degli ultimi, della povertà, di chi è rimasto schiacciato sotto gli effetti devastanti della pandemia prima e dalle crisi economiche e sociali poi».

Un secondo faro del cartello dei RossoVerdi è la difesa dell’ambiente. «Troppe volte, nell’ultima legislatura, ci sono stati attacchi continui all’immenso patrimonio della Sardegna sia per quanto riguarda il cambiamento climatico e sia nelle speculazioni edilizie».

Con in più anche un terzo obiettivo: «Stiamo lavorando perché, al più presto, nasca un partito della Sinistra e il primo passo è proprio in questo nostro stare insieme in quest’alleanza che non è solo elettorale ma programmatica e soprattutto di governo».

In Primo Piano
Tribunale

Nuoro, Roberta Barabino condannata a 7 anni e 8 mesi di reclusione

di Valeria Gianoglio

Video

Olbia, il sindaco Nizzi sulla ruspa in versione operaio: «Giù il ponte di via Galvani»

Le nostre iniziative