La Nuova Sardegna

Delibere

Pesca del corallo: la giunta regionale detta le regole

Pesca del corallo: la giunta regionale detta le regole

Fino a un massimo di 18 autorizzazioni, dal primo maggio al 30 settembre. Per Sorradile, Tula e Bonarcado approvato il piano di recupero delle terre civiche

02 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Su proposta dell'assessore dell'agricoltura e riforma agro-pastorale, Gian Franco Satta, la giunta regionale della Sardegna ha dato il via libera all'approvazione del piano di valorizzazione e recupero delle terre civiche dei comuni di Sorradile, Tula e Bonarcado.

Approvate poi le direttive per la regolamentazione della pesca del corallo per l'anno 2024, comprendenti le modalità e condizioni per il rilascio delle autorizzazioni. Il numero massimo di autorizzazioni concedibili per lo svolgimento della pesca del corallo non potrà essere superiore a diciotto e il prelievo dovrà essere effettuato dal 1° maggio sino al 30 settembre, ferme restando le ulteriori limitazioni previste sui quantitativi massimi di prelievo, sulle zone e sulle batimetriche consentite (superiori a 50 metri); stabilita anche la tassa annuale per il rilascio dell'autorizzazione che, per il 2024, sarà pari a 516.50 euro.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative