La Nuova Sardegna

Cattedre vacanti

Assalto alla scuola, nell’isola in quattromila a caccia di una supplenza

di Silvia Sanna
Assalto alla scuola, nell’isola in quattromila a caccia di una supplenza

Boom di domande per un posto nelle graduatorie. In corsa over 50, liberi professionisti e disoccupati

12 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Età media 50 anni, un lavoro perso o che non soddisfa più. Una laurea in tasca, spesa sinora per esercitare la libera professione, o un diploma magistrale conseguito prima del 2001: un titolo di studio che può aprire le porte della scuola in perenne emergenza di organico e alla continua ricerca di insegnanti e di personale amministrativo. La risposta c’è ed è massiccia, molto di più rispetto agli anni scorsi: a presentare la domanda per entrare nelle graduatorie biennali delle supplenze ci sono geometri, avvocati, architetti, ingegneri, farmacisti, agronomi ma anche igienisti dentali e rappresentanti probabilmente stanchi di una vita di corsa, sempre in auto da una parte all’altra. È un assalto nelle sedi dei sindacati alle prese con migliaia di domande presentate on line e la richiesta di consulenze da parte dello staff, al lavoro mattina e sera: la scuola è di nuovo appetibile, in un mercato del lavoro in continua crisi il grande mondo dell’istruzione diventa un enorme ufficio di collocamento nel quale cercare stabilità, posto e stipendio fisso.

Boom di domande Solo negli uffici della Uil scuola Sassari e Gallura nelle prime due settimane di giugno sono arrivate più di mille domande, in Sardegna la stima si aggira per ora intorno alle quattromila richieste. E il numero è destinato a crescere moltissimo. Dice il segretario Alessandro Cherchi: «L’aumento rispetto al 2022 è di almeno il 20%e non stiamo parlando di posti di ruolo, ma di supplenze. Tra i candidati molti hanno più di 50 anni e una parte sono disoccupati, altri invece hanno una occupazione poco soddisfacente dal punto di vista economico e per questo decidono di provare a creare un canale lavorativo parallelo. Perché, conti alla mano, anche qualche mese di supplenza può aiutare il bilancio familiare».

I numeri Nell’isola ci sono 3mila cattedre vacanti e un esercito di precari di lungo corso. Da qualche tempo, lo squadrone di insegnanti a caccia di supplenze – con il ruolo come obiettivo finale – si è ampliato moltissimo. «Le nuove GPS (graduatorie provinciali supplenze ndr)sono aperte anche a categorie che fino a poco tempo fa erano escluse, a partire dagli universitari di terzo, quarto e quinto anno di Scienze della Formazione primaria», aggiungono Cherchi e Federico Fadda della Uil scuola. Le chiamate arrivate negli anni scorsi fanno ben sperare: tanti diplomati ante 2001 e laureati in discipline scientifiche sono stati assoldati per supplenze brevi e lunghe alla primaria, alle medie e alle superiori. «Alcuni dirigenti erano talmente in emergenza che hanno dovuto prendere insegnanti di sostegno senza abilitazione, rappresentanti, ingegneri e impiegati che si sono ritrovati in cattedra senza alcuna preparazione». Alcuni ci hanno preso gusto e ci riprovano, forti dell’esperienza fatta e del punteggio messo in cassaforte. Ora, con l’aumento della concorrenza, proprio il punteggio in graduatoria fa sempre più la differenza: anche una supplenza breve in più può essere fondamentale per conquistare un posto e fare un ulteriore passo avanti verso l’obiettivo di supplenze sempre più lunghe, in attesa del nuovo concorso per ottenere il ruolo.

In Primo Piano
Il caso

Riprendono le ricerche di Francesca Deidda: dopo il ritrovamento di accappatoio e byte dentale nella zona di San Vito in azione i sommozzatori

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative