La Nuova Sardegna

Sassari

chiaramonti

Se la solidarietà aiuta a riportare il sorriso

“Volontari per la vita”: una giornata particolare è stata dedicata alle associazioni

31 luglio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CHIARAMONTI. Con tre travolgenti gruppi che sul palco hanno alternato rock, pop e blues l’associazione XXL ha archiviato con un buon successo di pubblico l’ottava edizione della rassegna musicale “Not(t)e d’Autore”, manifestazione nata con l’obiettivo di proporre il lavoro di artisti di alto livello professionale, non sempre conosciuti dai più perché non appetibili dal punto di vista commerciale. Così, dopo i Mercanti di Liquore, i Gang, Andrea Sigona, Claudio Lolli e Paolo Capodacqua, Carneigra, Lux, Il Parto delle Nuvole pesanti, Jousuke Onuma, Folkabbestia, Duo Tradivaria, Gavino Loche e Francesco Piu, Diaframma, End, Giorgio Canali e Rossofuoco delle passate edizioni, quest’anno è stata la volta di tre gruppi differenti almeno per la loro provenienza: la band sarda dei Malastrana, i londinesi Jay Scott & the Find e i livornesi Virginiana Miller. Dopo l’introduzione a cura di Azzurra Solinas i primi a salire sul palco, con il compito di scaldare il pubblico, sono stati i Malastrana con il loro rock travolgente. La melodica, e allo stesso tempo tagliente, chitarra di Luca Panciroli, dotato di un’ottima voce e di una buona presenza scenica, assieme alla batteria di Daniele Deperu e al basso di Dario Sini, hanno ravvivato la serata facendo accorrere in piazza della Costituzione anche chi si trovava distante dal palco. Quindi è stata la volta della band londinese di Jay Scott & the Find, completamente sconosciuti al pubblico locale, ma non agli anglosassoni presenti in vacanza. Hanno coinvolto gli spettatori già dalle prime note del loro power pop con sfumature rock-blues. Jay Scott, ottimo chitarrista e dotato di una voce potente e graffiante, si è da subito rivelato un ottimo trascinatore. Accompagnato da altrettanto validi musicisti, insieme sono riusciti a rendere i suoi brani ancora più coinvolgenti, evidenziando così l’ottimo lavoro di regia del loro produttore Steve Power (lo stesso di Robbie Williams e Blur). Con la folla ormai sotto il palco sono arrivati i tanto attesi Virginiana Miller. Per novanta minuti Simone Lenzi e compagni hanno presentato brillantemente i loro maggiori successi sfornando deliziose schegge pop e melodiche sfumature di indie-rock, deliziando i loro fan e incuriosendo chi li ascoltava per la prima volta. Un uleriore successo per questa rassegna che fa ben sperare per la futura attività del Gruppo XXL, sempre alla ricerca di chicche musicali da proporre seppur nel piccolo paese di Chiaramonti.

Letizia Villa

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 19: 44,1 per cento

Le nostre iniziative