La Nuova Sardegna

Sassari

ambulanti

I paninari chiedono spazi adatti

PORTO TORRES. Alcuni ambulanti titolari di licenza di autobar per somministrazione alimenti e bevande hanno presentato una denuncia ai carabinieri perché si sentono discriminati quando chiedono il...

30 agosto 2014
1 MINUTI DI LETTURA





PORTO TORRES. Alcuni ambulanti titolari di licenza di autobar per somministrazione alimenti e bevande hanno presentato una denuncia ai carabinieri perché si sentono discriminati quando chiedono il permesso di posizionare le loro bancarelle in occasione di sagre e feste. «La nostra non è una denuncia mirata contro gli organizzatori di manifestazioni – precisano –, ma un grido di allarme e una richiesta di aiuto per poter lavorare: non è possibile che con una crisi così forte i comuni se ne lavino le mani e anzi diventino complici bonariamente e forse inconsciamente di una mattanza della nostra categoria, soprattutto puntando all'eliminazione dei paninari». Chi organizza manifestazioni dovrebbe avere una simbiosi con loro e non un accanimento, ricordano, anche perché questa categoria paga le tasse come qualunque attività commerciale. «Abbiamo chiesto un incontro congiunto con la presidente Giudici e il prefetto – concludono –, per far capire il nostro disagio e il nostro problema: vorremmo solo poter lavorare onestamente per poter vivere e pagare le tasse, e chiediamo come sia possibile che in una provincia come Sassari non si possa trovare posto per 15 macchine dei panini». (g.m.)

In Primo Piano
Trasporti

Rotaie roventi: un altro stop ai treni

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative