sassari
cronaca

Ex Lido della polizia, lavori mai partiti

Sorso, il Comune diffida la società che nel 2013 si era aggiudicata la locazione del compendio ricettivo di Platamona


18 novembre 2014 di Salvatore Santoni


SORSO. Il rilancio dell’ex Lido della Polizia non s’ha da fare. La locazione del compendio ricettivo che si trova nella seconda discesa a mare di Platamona è stata vinta da una società sassarese nel luglio 2013, la Sardegna servizi turistici (Sst) srl. L’offerta prevedeva un canone annuale di 20.500 euro e un primo intervento straordinario sull’area. A oltre un anno di distanza dalla stipula del contratto la struttura non è mai entrata in funzione, ma versa in stato di abbandono fra incuria e degrado. L’area ricade all’interno del sito di interesse comunitario dello stagno di Platamona, una delle zone a più alto valore naturalistico del nord Sardegna. L’amministrazione comunale di Sorso ha diffidato la società e attende risposte.

La storia. Il compendio fu acquisito a patrimonio comunale nel 1980, più o meno due anni dopo che Carla Orlandi, Agostino Mereghetti e Adriana Rosi donarono al Comune di Sorso il compendio allora conosciuto come “Lido Polizia”. Si trattava (e si tratta ancora) di una struttura circondata da circa 12mila metri quadrati di terreno, che nel 1982 fu affidato in comodato d’uso gratuito - per 30 anni - al Fondo di assistenza per il personale di pubblica sicurezza. La convenzione è scaduta il 31 dicembre 2011 e la giunta comunale, con la delibera numero 96 del 4 giugno 2013, ha dato mandato agli uffici per stilare un bando d’asta per la concessione del compendio, poi aggiudicato alla Sst.

Il contratto. Le 13 pagine sottoscritte fra amministrazione comunale e società indicano con precisione gli obblighi reciproci delle parti. Innanzitutto fissano la durata della locazione in 15 anni (più 9 opzionabili), e cioè prospettano un legame potenziale fino al luglio 2037. C’è poi il canone d’affitto previsto in 20.500 euro annuali. Più avanti, l’articolo 14 stabilisce i paletti del primo intervento di manutenzione straordinaria, quello che serve (o sarebbe servito) per aprire al pubblico la struttura. «Detti lavori dovranno essere completati entro il termine di 9 (nove) mesi a partire dalla data di stipula del presente contratto», si legge nell’atto sottoscritto il 22 luglio 2013. Termine ampiamente trascorso, e che, anzi, si accinge ad essere doppiato.

La società. La conformazione societaria è un dettaglio da non trascurare. Infatti, la Sst - che ha iniziato l’attività d’impresa nel febbraio 2013 - fa capo a due soci, Barbara Giuseppina Bellu e Danila Diana, rispettivamente con quote dell’80% e del 20%. Nonostante l’amministratore unico risulti oggi la Diana, la presenza più importante nella compagine societaria è forse quella della Bellu, la quale detiene anche il 45% della Europol (società con la quale il Comune non ha avuto esperienze felici), che lei stessa ha amministrato per quasi tutto il 2009.

Mettendo a fuoco la galassia Europol ci si rende conto, ad esempio, che la Bellu risultava amministratore della Sst pochi giorni prima che il comune di Sorso pubblicasse l’aggiudicazione provvisoria della gara per l’ex lido della Polizia, per passare il testimone alla Diana poco dopo. Inoltre, le due siedono insieme anche nel cda della cooperativa sociale Marba (che ha avuto rapporti con Europol).

E l’esperienza del Comune di Sorso con la Europol - come dicevamo - non è esattamente delle migliori, vedi il promesso rilancio di un altro compendio, quello de “La Pinetina” - mai avvenuto - e la vicenda legata ai parcometri fantasma lungo la fascia costiera. E infatti, dall’amministrazione dicono di aver già inviato un primo sollecito alla Sst per il rispetto delle scadenze previste dalla ripartizione del canone annuale. Non resta che aspettare e incrociare le dita.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.