La Nuova Sardegna

Sassari

castelsardo

Acqua, al via le adesioni per la class-action

Acqua, al via le adesioni per la class-action

CASTELSARDO. Class Action contro Abbanoa, si parte. Il Comitato spontaneo cittadino, di concerto con l’Adiconsum, inizierà, domani (giovedì 29) dalle ore 17 la raccolta delle adesioni per l’azione...

28 ottobre 2015
2 MINUTI DI LETTURA





CASTELSARDO. Class Action contro Abbanoa, si parte. Il Comitato spontaneo cittadino, di concerto con l’Adiconsum, inizierà, domani (giovedì 29) dalle ore 17 la raccolta delle adesioni per l’azione legale collettiva contro il gestore unico delle acque della Sardegna. Dopo l’affollata prima conferenza informativa, tenutasi giovedì scorso, parte ora la raccolta effettiva delle adesioni, alla presenza degli avvocati dell'Adiconsum. La nascita del comitato ha creato molta animazione in paese. In molti attendevano che qualcuno prendesse l’iniziativa, visti i disagi creati dalla mancanza di acqua potabile e dal divieto, come da ordinanza del sindaco ancora in vigore, di utilizzare l’acqua per usi alimentari. Da altre parti invece si tende invece a rassicurare la cittadinanza sulla qualità dell’acqua e sui lavori infrastrutturali che dovrebbero risolvere definitivamente il problema tanto che è stato previsto, per il 5 novembre, un incontro pubblico con i funzionari di Abbanoa. «Non abbiamo alcun fine elettoralistico - sottolinea Piero Arru, portavoce del comitato - e ben vengano i lavori di ammodernamento della rete, annunciati dopo che ha preso vita la nostra iniziativa. Nel frattempo però, da molti mesi e, temo, ancora per molto tempo, la mancanza di acqua potabile crea disagi, rischi per la salute e pesa sul bilancio familiare, visto che tutti acquistiamo acqua imbottigliata in quantità industriale. È il momento di tutelarci». Coloro che hanno la volontà di aderire all’azione comune dovranno presentarsi presso l’hotel Riviera, dalle ore 17 alle 19 muniti di documento di identità e di una bolletta Abbanoa. Solo i titolari di un’utenza possono aderire. Per chi fosse impossibilitato a presentarsi personalmente, un familiare potrà acquisire la modulistica e riconsegnarla, debitamente sottoscritta, al comitato. Ai titolari di utenze che non risiedono in città, che ne faranno richiesta, verrà inviato il modulo, via posta elettronica, che dovrà essere restituito, via posta ordinaria, con firma autografa dell’intestatario. Per aderire all’azione legale, la spesa per i cittadini sarà di 10 euro, 5 euro verranno versati al momento della prima adesione (domani) e 5 al momento della conferma. Se l’azione legale non dovesse essere ammessa, la quota verrà restituita a tutti i sottoscrittori. Come chiarito dal presidente Adiconsum Sardegna, Giorgio Vargiu «la Class Action, e la possibilità di un rimborso, è un treno che passa solo una volta. Solo coloro che aderiscono potranno usufruire del rimborso. Se dovesse andar bene non si potrà fare una seconda azione legale collettiva per coloro che non hanno aderito la prima volta».

Donatella Sini

Elezioni regionali 2024
La polemica

Alessandra Todde a Christian Solinas: «Sospenda le 200 delibere inopportunamente adottate all’oscuro dei cittadini sardi»

Le nostre iniziative