A Muros ecco il Postamat del piano “Piccoli comuni”

Per la prima volta sportello automatico in un paese senza l’ufficio postale Il sindaco Tolu: «Grazie a Poste Italiane c’è un servizio in più per i residenti»

MUROS. Un piccolo ma significativo passo contro lo spopolamento, ma anch un servizio fondamentale in un paese che nel tempo ha visto chiudere gran parte dei presidi. Un nuovo Atm Postamat è da qualche giorno a disposizione, in via Brigata Sassari, dei cittadini di Muros. «Il primo – spiegano a Poste Italiane – installato in un comune del Sassarese senza ufficio postale». L’Atm è stato installato nell’ambito di un programma di interventi dedicati da Poste Italiane ai piccoli comuni preannunciati ai sindaci d’Italia dall’Ad di Poste Italiane Matteo Del Fante. «Dopo il comune di Tergu – si legge in una nota –, il programma di installazione degli sportelli automatici per il prelievo di contanti prosegue dunque in provincia di Sassari, con una serie di interventi che Poste Italiane ha previsto per i piccoli comuni».

Alla cerimonia di presentazione dell’Atm Postamat ha preso parte, oltre ad alcuni rappresentanti di Poste Italiane, anche il sindaco di Muros Federico Tolu. Dal primo cittadino sono arrivate parole di elogio e di soddisfazione per una novità che cambia, in meglio, la qualità della vita dei residenti nel piccolo paese dell’hinterland sassarese.

«Abbiamo accolto con grande positività l’opportunità giunta da parte di Poste Italiane – ha detto il primo cittadino - di poter finalmente usufruire di un servizio tanto basilare quanto efficace, del quale ormai quasi non possiamo fare a meno». In effetti, ha aggiunto il sindaco «già dopo poche ore dalla messa in funzione dell’Atm Postamat, abbiamo notato una grande affluenza di utenti, non solo residenti, che evidentemente hanno valutato positivamente tale iniziativa che permette loro di evitare di spostarsi presso gli uffici postali dei paesi limitrofi oppure di non recarsi a Sassari per effettuare operazioni contabili che ormai sono divenute quotidiane. Anche questo è un piccolo passo verso lo spopolamento, che va a migliorare la qualità della vita nei piccoli centri come Muros».

La presentazione dell’ATM Postamat è stata occasione per presentare anche a Muros, come già in altri piccoli comuni sardi privi di ufficio postale, il “portalettere a domicilio”. Si tratta – spiegano a Poste Italiane – di una speciale figura di postino abilitato ad effettuare, su richiesta e presso il cliente, il pagamento dei bollettini, la ricarica delle sim telefoniche e delle Postepay, l’invio delle raccomandate ed il ritiro della corrispondenza preaffrancata. Un servizio particolarmente apprezzato nei piccoli centri, soprattutto dai residenti più anziani. «Con l’Atm Postamat – si legge nella nota – i cittadini potranno, in automatico, effettuare il pagamento delle principali utenze, dei bollettini e le ricariche, oltre che prelevare denaro contante e consultare il saldo e la lista dei movimenti del proprio conto corrente». Il programma dei “dieci impegni” per i Comuni italiani promosso da Poste Italiane prosegue quindi in Sardegna e prevede ulteriori interventi nei prossimi mesi. «L’effettiva realizzazione di tali impegni – annuncia la società – è consultabile sul nuovo portale web all’indirizzo www.posteitaliane.it/piccoli-comuni. Tutte queste iniziative sono coerenti con i principi ESG sull'ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes