Coronavirus, a Porto Torres i negozi cinesi chiudono per due settimane

Scelta autonoma dei commercianti. Il sindaco: "Sono responsabili"

(ANSA) - PORTO TORRES (SASSARI), 6 MAR - Serrande abbassate per paura del coronavirus e dei sospetti. A Porto Torres i commercianti cinesi hanno deciso di tenere chiusi i negozi per non alimentare paure e contagi da Covid-19. Un atto volontario che potrebbe durare oltre le due settimane, come spiegato dagli stessi commercianti con dei cartelli affissi sulle saracinesche chiuse: "In merito all'incertezza della situazione sanitaria circostante, a tutela dei lavoratori e dei nostri clienti, abbiamo deciso di sospendere momentaneamente l'attività.

Apriremo al momento più opportuno. A scopo precauzionale e per dare un contributo alla comunità a ridurre al minimo possibile la diffusione di malattie virali".

La scelta dei negozianti cinesi ha colto di sorpresa i portotorresi, che mai, spiega il sindaco Sean Wheeler (M5s), hanno manifestato in questi giorni intolleranza o paura verso una comunità ben integrata. "Non ci sono stati problemi di nessun tipo e tantomeno ci sono problemi di tipo sanitario - precisa il primo cittadino -

WsStaticBoxes WsStaticBoxes