Clienti ammassati intorno ai tavoli sanzionati due locali in centro

SASSARI. Nel fine settimana la polizia locale ha proseguito i controlli sul rispetto delle norme a tutela della salute pubblica e per il contrasto al coronavirus. In particolare sabato notte gli...

SASSARI. Nel fine settimana la polizia locale ha proseguito i controlli sul rispetto delle norme a tutela della salute pubblica e per il contrasto al coronavirus. In particolare sabato notte gli agenti hanno dovuto sanzionare due locali che si trovano in via Torre Tonda, una delle strade più frequentate del centro, dove i giovani si danno appuntamento per trascorrere la serata. Gli esercizi pubblici, però, non hanno rispettato le norme che impongono loro di vietare gli assembramenti e di assicurare un metro di distanza tra persone e i clienti dei due locali, che si trovano uno di fronte all’altro, erano talmente tanti da impedire perfino il passaggio nella via.

Gli agenti hanno sanzionato i due locali che ora rischiano anche la chiusura fino a trenta giorni, sia in base a quanto disposto dal decreto legge 19 del 25 marzo 2020, sia dall’ordinanza sindacale che prevede la possibilità di una sanzione accessoria con limitazioni temporanee dell’orario di attività (fino a 30 giorni), o la chiusura temporanea del pubblico esercizio. Sull’argomento è intervenuto Piero Muresu, presidente del centro commerciale naturale di via Torre Tonda: «Il problema assembramenti nei locali sta diventando serio – scrive sul suo profilo facebook – Educare i giovani a tenere la distanza sociale e portare le mascherine non è semplice. Il prefetto convochi il comitato di sicurezza per prevenire questi comportamenti ed evitare sanzioni e chiusure. Perché in molti casi i gestori non sono responsabili».

Sempre in materia di rispetto delle norme anti-coronavirus, domenica la polizia locale è intervenuta perché un uomo si rifiutava di portare la mascherina all’interno di un negozio nella zona di Predda Niedda.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes