La Nuova Sardegna

Sassari

Paura del Covid: a Sassari meno donatori e carenza di sangue

Paura del Covid: a Sassari meno donatori e carenza di sangue

Il Centro trasfusionale di via Monte Grappa lancia l’sos Il direttore Manca: «I prelievi sono fatti in totale sicurezza» 

11 novembre 2020
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Più che un semplice appello è un sos, o ancora un grido disperato: il Centro trasfusionale di via Monte Grappa, come già avvenuto più volte in quest'anno caratterizzato dalla pandemia, è a corto di plasma e chiede con forza di incrementare le donazioni.

A ridurre la presenza dei donatori è, probabilmente come accaduto tra marzo e giugno, la paura di un possibile contagio Covid.

E per questo il direttore del Centro trasfusionale Pietro Manca rassicura subito gli utenti. «Il percorso che seguono i nostri donatori è sicuro e pulito, dedicato – afferma – per cui vengono smistati e all'interno vengono garantiti tutti i distanziamenti e la possibilità di igienizzare le mani».

Inoltre, il Centro di via Monte Grappa sta privilegiando le prenotazioni, così da garantire i donatori e assicurare le giuste distanze sia in sala d'attesa, sia in sala donazioni. In questa fase, infatti, sono stati dedicati 4 posti per la donazione, per evitare assembramenti e per venire incontro alle esigenze dei donatori. Questi vengono suddivisi per fasce orarie ed è possibile contingentare gli ingressi e organizzare al meglio il flusso di lavoro da parte degli operatori sanitari.

Il problema della pandemia accresce così l’emergenza sangue, almeno nel Nord ovest dell’Isola. «La carenza di sangue c’è tutto l’anno – precisa Pietro Manca – con periodi di acuzie. Nell'isola abbiamo patologie trasfusioni-dipendenti, come la talassemia, e poi ancora non siamo autosufficienti nella raccolta degli emocomponenti. Ed è per questo che abbiamo sempre bisogno di donatori». Possono donare il sangue i soggetti di età compresa tra i diciotto e i settant’anni in buone condizioni di salute. Donare il sangue, inoltre, diventa anche occasione per monitorare il proprio stato di salute. Ad ogni donazione infatti, e qualora necessario anche nell'intervallo fra le donazioni, al donatore vengono effettuati esami che consentono di valutare il suo quadro clinico. In questa maniera si tutela sia il ricevente che il donatore. Per le prenotazioni al Centro dell’Aou i donatori potranno chiamare, dalle 8 alle 14, i numeri 079.20.61.462 oppure 079.20.61.496. Dalle 15 alle 19 possono telefonare allo 079.20.61.625. Per donare nella sede dell'Avis comunale è possibile chiamare lo 079.25.25.77 dalle 8 alle 14 e al numero di cellulare 370.14.34.967. Per l'Avis provinciale, infine, è possibile consultare il sito www.avisprovincialedisassari.it per conoscere contatti e orari delle donazioni.



In Primo Piano
Caos trasporti

Crash informatico: ecco che cosa sta succedendo negli aeroporti della Sardegna

di Salvatore Santoni

Video

L'avvocato Gianfranco Piscitelli: «Ecco come è stato occultato il cadavere di Francesca Deidda»

Le nostre iniziative