I contagi corrono ancora ma i vaccini si fermano

A Sassari ieri 15 nuovi casi, con i positivi che salgono a 174 e i ricoverati a 24 L’Assl dopo tre giorni di caos da oggi darà prime dosi solo a over 80 e fragili

SASSARI. I positivi corrono, i vaccini si fermano. Ieri le persone positive al coronavirus in città erano 174, di cui 15 nuovi casi rispetto a giovedì e casi raddoppiati nell’ultima settimana, 24 i ricoverati e 261 le persone in quarantena.

Le vaccinazioni inveve, che secondo l’assessore Nieddu marciavano a vele spiegate, sono finite in secca. E ieri mattina l’Assl ha coronato la sua settimana da incubo decretando lo stop, a partire da oggi, per la somministrazione delle prime dosi, se non per over 80 e soggetti particolarmente vulnerabili, cancellando di fatto il calendario messo in piedi la scorsa settimana.

Calendario da cui erano caduti già alcun fogli, con la prima dose di Astrazeneca che in Promocamera era già saltata mercoledì e giovedì per una «imprevista carenza di dosi», con la struttura di Predda Niedda costretta a rimandare a casa centinaia di persone che erano state convocate tramite appuntamento preso dal portale regionale o dalla stessa Assl secondo divisioni per comune di residenza ed età.

Ieri, dopo l’annunciato arrivo delle nuove dosi, l’amara sorpresa per i tanti che, vista l’assoluta mancanza di comunicazioni da parte dell’Assl, dopo aver saltato l’appuntamento nei due giorni precedenti si sono ripresentati a Promocamera, per sentirsi dire che la loro vaccinazione era cancellata e non era possibile sapere quando sarebbe stata riprogrammata. I, pochi, vaccini presenti erano infatti sufficienti solo per le inoculazioni già programmate per la giornata di ieri. Che, ironia della sorte, erano già un “recupero”, per quelle saltate lo scorso week-end per l’allagamento dei locali di Promocamera. Una situazione decisamente imbarazzante, con il centro vaccinale, pronto a marciare a pieno regime, costretto a navigare a vista, e senza la possibilità di fornire nessuna informazione precisa. E centinaia di anziani costretti a inutili viaggi della speranza a Predda Niedda e spesso bloccati da vigili e guardie giurate senza nemmeno riuscire a raggiungere la porta dell’Hub.

A suggellare la surreale mattinata è poi arrivato l’atteso comunicato ufficiale di Ats-Assl, che ha infine certificato quello che da giorni era un segreto di pulcinella. «A seguito di una improvvisa e non prevista carenza delle dosi di vaccino necessarie – recita – la campagna vaccinale della Assl Sassari ha subito una rimodulazione. Il programma precedentemente pubblicato attualmente in corso (e con esso le prenotazioni fatte con il sito regionale ndr) è temporaneamente sospeso. A partire da sabato 24 aprile, le somministrazioni saranno riservate esclusivamente alle somministrazioni delle seconde dosi secondo le date e la modalità già previste, alla vaccinazione di cittadini con più di 80 anni che non avessero ancora ricevuto il vaccino e i cittadini estremamente vulnerabili che, indipendentemente dall’anno di nascita, saranno contattati telefonicamente dalla Assl Sassari o dai centri che li hanno in carico». Gli over 80 possono anche aderire tramite il portale della Regione o prenotare la vaccinazione chiamando il numero 1533 (gratuito da rete fissa) 070.276424 - 070.474747 (da mobile) fino al 30 aprile o inviando una mail a: prenotazionevaccini.over80@atssardegna.it Gli over 80 che non avessero ricevuta la prenotazione possono contattare il medico di famiglia o recarsi direttamente agli hub vaccinali senza prenotazione.

«A tutti gli altgri, nonostante la precedente programmazione, è richiesto di non recarsi presso gli Hub vaccinali di Sassari, Alghero e Ozieri ma di attendere nuove indicazioni per la riprogrammazione dei loro appuntamenti – chiude la Assl – ci scusiamo per gli eventuali disagi».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes