«Riaprite Lungodegenza a Ittiri»

Il consiglio comunale chiede all’unanimità il ripristino del presidio sanitario

ITTIRI . «Riaprite subito il reparto di Lungodegenza dell’ospedale Alivesi». È l’appello del consiglio comunale di Ittiri che - convocato in modalità a distanza -, ha deliberato all’unanimità due punti riguardanti il presidio sanitario cittadino.

Dopo la lettura di un documento unitario di maggioranza e minoranza, indirizzato all’assessore regionale alla sanità Mario Nieddu, del quale ha dato lettura Maria Giovanna Dore, presidente della commissione sanità in consiglio comunale, e con il quale si chiede l’immediata riapertura del reparto di lungodegenza, sono state ribadite le istanze, già presentate in passato, che riguardano il potenziamento dell’Alivesi.

I giorni scorsi, dopo l’improvvisa chiusura del reparto di Lungodegenza, con il contemporaneo trasferimento degli ospiti nella struttura di Thiesi, si era sollevata immediatamente la protesta con un’assemblea nel piazzale dell'Alivesi, alla quale avevano partecipato i sindacati di categoria e otto sindaci del territorio. Ora l’intero consiglio comunale ha condannato il provvedimento dell’Ats, attuato in assenza di comunicazione al sindaco di Ittiri responsabile della salute della popolazione del suo territorio. La chiusura ha comportato il trasferimento del personale sanitario al reparto Covid dell’ospedale Marino di Alghero. Il secondo punto deliberato dal consiglio comunale riguarda la convocazione, a breve, di un consiglio al quale verrà invitato l’assessore Nieddu, per cercare di inquadrare l’Alivesi in un circuito sanitario territoriale strategico per la sua vicinanza a Sassari.

A motivare le due iniziative il sindaco Antonio Sau e il capo gruppo di minoranza Manuela Soro, entrambi hanno sottolineato, con fermezza, la volontà di riportare l’Alivesi a un ruolo che compete a una struttura che rappresenta un vasto territorio e che, per questo, non può e non deve chiudere. Il Consiglio ha concluso i lavori con l’approvazione del regolamento per l’applicazione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone mercatale.

Vincenzo Masia



WsStaticBoxes WsStaticBoxes