Porto Palmas, un paradiso che punta sulla sostenibilità

A metà strada tra Alghero e Stintino la spiaggia è stata premiata per i servizi Meta di pescatori e motociclisti: ideale per le famiglie ma è ancora mal collegata

PORTO PALMAS. Dal primo luglio, per il quinto anno consecutivo, la “Bandiera Blu” riprenderà a sventolare davanti a questa baia spazzata dal maestrale e a questo mare turchese che lascia a bocca aperta i turisti che lo cercano sulle guide e a quelli che capitano qui per caso e non vogliono più andare via.

Il riconoscimento è un marchio di qualità ecologica dell’Unione europea, assegnato alle località turistiche balneari gestite con l’obiettivo principale di promuovere una conduzione sostenibile del territorio.

Il Comune di Sassari quest’anno per la prima volta potrà fregiarsi di tre “Bandiere Blu” nei suoi litorali. Dopo Porto Ferro e Porto Palmas dal primo luglio il marchio di qualità dalla Fee (Fondazione per l’educazione ambientale) sarà consegnato anche alla spiaggia della Rotonda di Platamona.

«Qui a Porto Palmas - spiega Enrico Sini, storico gestore del chiosco sulla spiaggia - puntare sull’ecosostenibilità è stata una cosa naturale. Per noi che siamo nati qui e che amiamo questo posto - aggiunge - preservarlo e presentarlo ai turisti nel modo migliore, offrendo i servizi necessari per renderlo fruibile a chiunque è stato una opportunità che abbiamo voluto cogliere al volo».

Unico accesso al mare in cui è presente il servizio di varo e alaggio tra Alghero e Stintino, la baia di Porto Palmas è utilizzata anche dai vigli del fuoco sia per le esercitazioni in mare che per uscite di emergenza. «Questo è un posto ideale per le famiglie - spiega Sini - ma è amatissimo dai pescatori e da motociclisti e camperisti che non possono fare a meno di fermarsi per una sosta e poi rimangono affascinati dai tramonti mozzafiato». Per meritarsi la “Bandiera Blu”, oltre a un mare cristallino e a prova di inquinamento, Porto Palmas garantisce da anni il servizio passerelle per i portatori di handicap, quello di salvamento a mare e una pulizia quotidiana della spiaggia ad opera del Comune di Sassari. «Da qualche giorno sul portale Skylinewebcams - aggiunge Enrico Sini - è presente una telecamera che consente a chiunque di vedere in diretta com’è la situazione del vento. L’unico problema - conclude Sini - è che raggiungere Porto Palmas e l’Argentiera da Sassari con i mezzi pubblici non è comodo come avviene per altre località turistiche. Sarebbe opportuno avere a disposizione dei trasporti dedicati almeno per la stagione estiva.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes