Tutti pazzi per la cipolla, a Banari parte la sagra

Il piccolo centro del Meilogu ospita tra oggi e domani l’attesa manifestazione In programma anche escursioni con tappe poetiche, meditative e artistiche 

BANARI. Cipolle stufate con le lasagne, crema di cipolla con i ravioli, cipolle in agrodolce con arista di maiale. Sono i mille modi per declinare l’uso della cipolla in cucina, e sono solo alcune delle proposte della “Sagra della cipolla di Banari”, che si terrà oggi e domani nel piccolo centro del Meilogu, con l’organizzazione della Pro loco e della sua presidente Luciana Sassu, e il patrocinio del Comune di Banari, oltre che di altre istituzioni. Una due giorni dove la regina assoluta sarà la deliziosa verdura bianca, l’ “Oro di Banari”, riletta e interpretata dalle angolature più diverse. Si tratta della varietà “allium cepa”, coltivata esclusivamente nelle fertili campagne banaresi, che si presenta con bulbi grossi e piatti, il cui peso varia dai 400 grammi a oltre un chilogrammo.

Le attività prenderanno il via oggi alle 8.30 del mattino con “Sentieri banaresi”, escursioni di trekking e mountain bike, con tappe poetiche, meditative, artistiche, e con letture di poesie e brevi racconti sul pane e sulla cipolla. Il trekking letterario coprirà un percorso di circa tre chilometri, che porterà i partecipanti fino all’oasi faunistica di “S’Adde Manna”. Per coloro che sceglieranno la pedalata, il percorso si snoderà per 25 km e impegnerà i partecipanti per circa 2 ore e mezzo. Obbligatorio l’uso del casco e l’autonomia idrica e meccanica. Dalle 19 sempre di oggi, apriranno gli stand che offriranno al costo di 6 euro per porzione piatti a base di cipolla cucinati dalle Pro loco di Banari, Uri, Sestu, Bessude, Villanova e Thiesi. Sempre nella giornata di oggi, alle 21, è previsto il concerto dei Niera. Domenica 25, alle 11 nel ristorante pizzeria “Sa Casara”, si terrà un vero è proprio spettacolo culinario, nel quale lo chef Fabio Zago cucinerà dal vivo, svelando trucchi e ricette dei piatti che sta preparando. Saranno gli assaggiatori Pasquale Porcu, Pietro Manconi e Giacomo Oggiano, a raccontare ciò che evocano i due piatti che preparerà lo chef. Le ricette verteranno sull’ “Essenza sarda” e la “Cipolla fondente”. Sempre domenica, alle 17.30, la caccia al tesoro “Alla ricerca di Cipollino”, ispirata dall’omonimo libro, con la collaborazione di Claudia Chelo e Piera Piga, farà divertire i piccoli partecipanti, mentre gli adulti si preparano al “Salotto letterario: Nutrire la mente” delle 18.00, con Domenica Anna Obinu, Carla Cossu, Giuseppe Izza, Marco Dettori, Raimondo Mandis, Tito Paolini, Pinuccio Pintus. Modera Gavino Ledda. Alle 21, concerto di Beppe Dettori. Durante i due giorni della Sagra della cipolla, sarà possibile visitare il percorso scultorico dell'artista banarese Giuseppe Carta, con le sue “Germinazioni”.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes