Il ministro Cingolani: "La transizione energetica richiederà sacrifici"

L'esponente del governo Draghi alla festa della Nuova Sardegna avverte: "Il passaggio? Non si tratta di un pranzo di gala". E sul caro bollette annuncia l'impegno dell'esecutivo per mitigare gli aumenti

SASSARI. Il processo di transizione energetica che interessa l'Italia e l'Europa «non è un pranzo di gala, richiederà a tutti identici sacrifici, perché necessita di un cambiamento totale dei comportamenti, del lavoro, della nostra cultura». Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, intervenendo alla festa per i 130 del quotidiano «La Nuova Sardegna». «Questo cambiamento - ha aggiunto - deve avvenire senza che nessuno resti indietro».

Poi il ministro ha parlato di tempi brevi per definire gli interventi del Governo per contenere il caro bollette. «A breve usciremo con la nostra proposta. Non stiamo parlando di mesi, ma di settimane», ha spiegato il ministro. «Attendiamo le valutazioni precise dell'aumento dei costi che, come sappiamo, dipendono direttamente dal costo del gas e per una misura del 20% da quello della CO2. Sappiamo già che si tratterà di aumenti elevati, ma i nostri tecnici stanno simulando diversi scenari che servono per mitigare questi aumenti».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes