sassari
cronaca

Corsa in Rosa già oltre tremila adesioni

Presentate dagli organizzatori le tre giornate di dibattiti, spettacoli e sport per combattere la violenza sulle donne


09 ottobre 2021


SASSARI. Dieci anni in marcia contro la violenza sulle donne. Dieci anni in cui la manifestazione, d’esempio per tutta la Sardegna e non solo, ha consentito di puntare i riflettori su soprusi e discriminazioni nei confronti del mondo femminile. E lo farà anche nei tre giorni di eventi programmati per il 15, 16 e 17 ottobre, quando piazza d’Italia diventerà la sede di dibattiti, intrattenimenti, spettacoli per far riflettere su un tema che ancora non è stato assimilato dalle coscienze di tutti se continuano i femminicidi, le mortificazioni sul lavoro.

Il conto alla rovescia è cominciato e ieri il patron della Corsa in Rosa, Luca Sanna, non ha nascosto l’emozione presentando l’evento nella sala Angioy del palazzo della Provincia. Ha voluto ringraziare, innanzi tutto, quanti negli anni hanno dato il loro supporto, in primo luogo le partecipanti e i partecipanti, cresciuti da 600 a cinquemila nel corso delle nove edizioni. Un traguardo di mobilitazione che potrebbe essere superato se si considera che sono già oltre tremila le iscrizioni a una settimana dalla data della corsa. «La nostra manifestazione è cresciuta in questi anni in tutti i sensi – ha detto Sanna –. E per la prima volta la bontà del nostro progetto è stata riconosciuta anche dalla Regione che ha finanziato la nostra iniziativa con l’assessorato al Turismo». Una vicinanza che è stata confermata dal consigliere regionale dell’opposizione Antonio Piu che ha portato il saluto e il plauso dell’assessore Chessa «perché non può esserci colore politico a dividere quando si parla di violenza sulle donne». A fianco a Sanna gli altri promotori e sostenitori: il Comune, che patrocina l’iniziativa, ha schierato il presidente dell’Atp Paolo Depperu, che metterà a disposizione mezzi per consentire di raggiungere piazza d’Italia, e il comandante della polizia municipale Gianni Serra, runner dichiarato, che vigilerà con le sue squadre sulla sicurezza della manifestazione. Poi Luana Sanna, di Uisp Sassari. Al tavolo anche Francesca Arcadu, vicepresidente Uildm, una delle cinque opinion leader con la giornalista Susi Ronchi (che si è collegata da remoto), fondatrice di Giulia giornaliste, l’avvocatessa Anna Maria Busia, la cantante Claudia Aru e la direttrice generale della Dinamo Banco di Sardegna Viola Frongia che parteciperanno al Focus D, un talk di approfondimento e dibattito condotto dal giornalista Adriano Porqueddu.

Nel programma coinvolte anche le voci femminile sarde nel galà musicale che si terrà venerdì 15: Maria Luisa Congiu, Laura Spano, Lucia Budroni, Francesca Lai, Laura Santucciu. Ma sono attesi anche Pino e Gli Anticorpi, protagonisti di un video creato per l’occasione e il comico Gianluca Impastato.

In piazza, poi, ci sarà anche un “Villaggio rosa”, ha annunciato Luca Sanna, e un posto sanitario fisso. Riflessione, divertimento e sport per essere a fianco delle donne. Domenica, migliaia di magliette colorate lo dimostreranno ancora. (p.f.)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.