Emergenza sangue al Centro trasfusionale

Ozieri, organizzata per sabato mattina una raccolta straordinaria per potenziare le scorte

OZIERI. Una raccolta straordinaria di sangue presso il Centro trasfusionale dell’ospedale Segni di Ozieri proverà a tamponare l’emergenza quasi cronica, amplificata in questi anni dall’emergenza sanitaria in corso. La locale sezione Fidas a cui fanno capo anche i paesi di Alà dei Sardi, Mores, Chiaramonti, Ardara, Ittireddu, Mores, Nughedu e Pattada e che ha rinnovato nelle scorse settimane il proprio direttivo, sta chiamando a raccolta tutti i volontari che sabato dalle 8.30 sino alle 12.30 potranno recarsi nei locali del Centro per dare una mano con la propria donazione e rimpinguare le scorte di sangue, vitali per garantire il funzionamento delle sale operatorie o gli interventi in emergenza. «Gli effetti della pandemia si sono riversati anche sulle donazioni e a causa delle numerose quarantene molti donatori non riescono ad andare a donare – hanno detto i dirigenti dell’associazione -. C’è carenza di sangue e con questa raccolta straordinaria stiamo provando a recuperare un po’».

La Fidas ricorda che ci si potrà prenotare per l’orario e che potranno donare tutte le persone tra i 18 e i 65 anni d’età con un peso minimo di 50 chilogrammi, anche fabici o portatori sani di Microcitemia e che dall’ultima donazione devono essere passati almeno 90 giorni. Chi si presenterà per la donazione è meglio non sia a digiuno ma dopo aver fatto una piccola colazione con the o caffè e un biscotto secco ed è buona norma anche non aver bevuto alcolici nei giorni precedenti poiché ci potrebbe essere alterazione degli esami che vengono poi recapitati a domicilio.

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes