«Trasporti, la città non stia a guardare»

Mozione di Andria: «Tante le ipotesi in campo, rischiamo di essere tagliati fuori»

SASSARI. «Una mozione di sostegno al sindaco sulle politiche e le strategie inerenti la mobilità e i trasporti comunali e di area vasta anche alla luce delle nuove opportunità offerte dalla programmazione dei fondi del Pnrr». L’ha protocollata il consigliere Mariolino Andria che, prima di chiedere l’appoggio per il primo cittadino sulla delicata partita, elenca però una serie di “premesse”. A iniziare da «numerose perplessità tra diversi componenti dell’assemblea consiliare (cosi come tra gli amministratori locali dei comuni di area vasta) generate da una conoscenza limitata sui tempi e sul cronoprogramma delle infrastrutture per la mobilità già programmate e in fase di studio».

A muovere il consigliere comunale il fatto che: «l’Arst, attraverso suoi dirigenti e progettisti, a Cagliari in ambito universitario, ha illustrato l’ipotesi di un nuovo modello di treno ibrido, un treno multimodale a idrogeno più diesel (quindi un diesel adattato attraverso l’inserimento di serbatoi di idrogeno) e che diverse unità (multimodali) parrebbero destinate al territorio di area vasta del sassarese». E il fatto che: «il trasporto su rotaia sarà probabilmente implementato non dalla città di Sassari verso l’aeroporto del sassarese ma dalla città di Alghero verso Fertilia, dove si trova l’aeroporto sassarese».

«Preso atto – sottolinea Andria – che ad oggi non si ha una nitida percezione di quale sia la posizione della città di Sassari su queste ipotesi, cosi come sulla programmazione di infrastrutture future, anche per la viabilità in generale e per il trasporto su gomma. E riscontrato il forte ritardo della città di Sassari sull’attuazione delle linee programmatiche del sindaco Campus, in particolare sullo studio e la futura realizzazione dell’anello viario interquartiere intorno alla città, la concreta e completa programmazione della rete di trasporti ferroviari connessi alla metrotranvia e il potenziamento dell’elettrico su gomma in termini di trasporto pubblico integrato con la metrotranvia», si chiede, chiude la mozione: «al consiglio comunale, dopo aver ricevuto gli atti, le documentazioni e le informazioni essenziali presso le commissioni consiliari di competenza, di esprimere il sostegno al sindaco, attraverso gli indirizzi politici che scaturiranno dal dibattito in aula, sulle politiche inerenti la mobilità ed i trasporti pubblici di area vasta anche alla luce delle nuove opportunità offerte dai fondi previsti nel Pnrr e tenuto conto di quanto espresso nelle linee programmatiche». (g.bua)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes