La Nuova Sardegna

Sassari

La conferenza stampa

Sassari, inchiesta per mafia. Gavino Mariotti: “Non ritiro la candidatura”

di Giovanni Bua
Sassari, inchiesta per mafia. Gavino Mariotti: “Non ritiro la candidatura”

Il rettore candidato sindaco si commuove e annuncia: «Ho consultato i vertici nazionali dei partiti e ho deciso di andare avanti»

16 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Lacrime, applausi e la decisione di andare avanti. Così Gavino Mariotti questa mattina, giovedì 16 maggio, a un incontro con la stampa insieme ai coordinatori provinciali dei partiti e delle liste che sostengono la sua candidatura a sindaco di Sassari per la coalizione di centrodestra.

«È evidente che non saremo voluti essere qui. Ieri ero alla Nuova a parlare del futuro della città. Oggi mi ritrovo a parlare di una chiusura delle indagini di cui non ho ancora ricevuto documentazione».

«Il momento è difficilissimo – ha proseguito il rettore -. Nella mia vita non ho mai approfittato della mia posizione e mi sono candidato a sindaco per il bene della mia città non certo perché il lavoro di rettore non mi abbia dato le soddisfazioni necessarie».

Mariotti riferisce di aver consultato gli alleati romani: «Ovviamente ho preferito consultare i vertici nazionali dei partiti che mi sostengono. Mi hanno impedito di dimettermi e mi hanno chiesto di proseguire. Io col cuore a pezzi proverò a farlo».

Gavino Mariotti risulta indagato nella complessa indagine coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Cagliari che ruota intorno a un gruppo di persone che univa colletti bianchi e storici esponenti del banditismo del Nuorese e che lo scorso mese di settembre aveva portato in carcere 13 persone e 18 ai domiciliari.

A chiusura del fascicolo, il sostituto procuratore Emanuele Secci ha confermato tra le ipotesi anche l’associazione a delinquere di stampo mafioso.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative