La Nuova Sardegna

Sport

L’Amsicora beffata, addio scudetto

L’Amsicora beffata, addio scudetto

Hockey su prato, i campioni d’Italia in carica perdono con il minimo scarto (1-2) contro i padroni di casa del Bra

26 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. L’Amsicora non è riuscita a difendere lo scudetto conquistato lo scorso anno, il ventesimo della sua straordinaria storia, nel campionato di serie A1 maschile di hockey su prato. Nella finalissima giocata ieri, infatti, la squadra di Roberto Carta è stata sconfitta dai padroni di casa dell’HC Bra col risultato di 2-1 al termine di una partita non bellissima dal punto di vista spettacolare, e nella quale gli episodi hanno avuto un ruolo determinante, vedasi il gol del pareggio dei piemontesi realizzato ad un minuto dalla fine del primo tempo, e quello decisivo giunto a due minuti dalla fine dei tempi regolamentari.

Certo perdere il titolo in questo modo fa rabbia e amareggia sicuramente, ma c’è da dire che senza qualche errore di troppo in fase conclusiva, adesso staremmo forse a parlare in maniera diversa. Se proprio vogliamo trovare il lato positivo al termine di un pomeriggio tutt’altro che da ricordare, è sicuramente il fatto che anche la prossima stagione i verdi disputeranno le coppe europee.

Tornando alla gara giocata a Bra, l’Amsicora ha provato a rendersi pericolosa in due occasioni, al 7’ e al 10’, protagonisti Gabriele Murgia su corner corto e l’italo argentino Tomas Bettaglio al termine di un’azione manovrata: i loro tiri non centravano però lo specchio della porta. Al 12’ era bravo il portiere Marcello Manca a evitare il gol su una incursione del giocatore neozelandese Bhana che si era presentato tutto solo in area. Al 28’ è arrivato il vantaggio amsicorino: conclusione violenta di Richard Kotrc da fuori area, sulla traiettoria si è trovato Davide Lugas la cui deviazione si è infilata in rete. I verdi sono andati vicini al raddoppio un minuto dopo, ma la violenta botta su corto di Gabriele Murgia è stata respinta in angolo dal portiere Ladini. Il pareggio del Bra al 34’ con Perelli che ha battuto Manca con un bel tiro rasoterra dopo avere rubato palla a centrocampo.

Nel secondo tempo il portiere amsicorino ha evitato per due volte il gol su altrettanti tiri di Massimo Lanzano al 3’ e al 4’,mentre Murgia sfiorava ancora il gol al 12’ ma la mira era imprecisa. Proprio quando ci si stava avviando allo stesso epilogo della gara di ieri col Suelli, è arrivato a due minuti dalla fine il gol della sconfitta, messo a segno da Massimo Lanzano su corner corto. Nella finale per il terzo e quarto posto un Suelli con le pile completamente scariche sotto il profilo degli stimoli e delle motivazioni, è stato letteralmente travolto dall’HC Roma col risultato di 9-0.

Stefano Serra

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative