La Nuova Sardegna

Sport

notiziario

Slitta il verdetto della “vigilanza” sul Sant’Elia a dodicimila posti

CAGLIARI. Soltanto Conti e Dessena in differenziato, Adryan, Cabrera, Piredda e Del Fabro in gruppo. Da ieri è a Sappada il medico sociale Marco Scorcu. Per il resto, Zeman, dopo la mattinata libera,...

29 luglio 2014
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. Soltanto Conti e Dessena in differenziato, Adryan, Cabrera, Piredda e Del Fabro in gruppo. Da ieri è a Sappada il medico sociale Marco Scorcu. Per il resto, Zeman, dopo la mattinata libera, al pomeriggio ha accelerato. Tecnica individuale e di gruppo, tattica, partita a pressione.

Intanto, con quattro spot in limba ("Chistionai pagu, traballai meda": Parlare poco, lavorare molto; “Truncu e figu, hastu e figu": Tale il padre, tale il figlio; "Sa domu esti pitticca, su coru esti mannu": La casa è piccola, il cuore è grande; "Chi no traballar apo issu, no traballara mancu po is atrusu": Chi non lavora per sé, non lo fa neanche per gli altri), è partita la campagna abbonamenti. I volti di Zeman, Conti, della squadra e dei tifosi accompagnano gli spot.

Intanto, ieri la Commissione provinciale di vigilanza dopo una lunga riunione si è aggiornata. Per dare l'ok ai 12mila posti al Sant'Elia servirà un’altra riunione.(m.fr.)

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative