La Nuova Sardegna

Sport

Roma nel supergirone, la Juve sorride

Sorteggi Champions: Bayern, City e Cska Mosca per i giallorossi. I bianconeri con Atletico Madrid, Olympiacos e Malmoe

29 agosto 2014
3 MINUTI DI LETTURA





MONACO. La Juventus tira un sospiro di sollievo, per la Roma un girone da incubo. Sorteggio dolceamaro per le due italiane ancora in corsa in Champions League dopo l’eliminazione del Napoli. I bianconeri finiscono nell’unico girone che comprende tutte squadre che hanno vinto il rispettivo campionato ma l’unico spauracchio vero è l’Atletico Madrid. Rispetto alla scorsa stagione, culminata con la conquista della Liga e una Champions accarezzata fino ai minuti di recupero della finale, i colchoneros hanno cambiato molto (via Courtois, Diego Costa, Filipe Luis, Villa, Adrian e Diego) ma sono arrivati Mandzukic e Griezmann e la guida è sempre saldamente nelle mani di Simeone, che negli ottavi della passata edizione eliminò proprio il Milan di Allegri. Più abbordabili l’Olympiacos di Saviola, Afellay e Abidal e il Malmoe, tornato sulla grande ribalta europea dopo anni difficili.

Diverso il discorso per la Roma, che peggio non poteva capitare: Bayern Monaco, Manchester City e Cska Mosca. Se i russi non fanno paura, lo stesso non può dirsi delle altre due corazzate. I bavaresi di Guardiola hanno perso sì Kroos e non avranno Javi Martinez per infortunio ma è arrivato Lewandowski, sta per firmare Xabi Alonso e ai giallorossi è stato strappato a suon di milioni Benatia. Altra big è il City, che sotto la guida di Pellegrini è tornato sul tetto d’Inghilterra e ha sfatato il tabù della fase a gironi. Gli arrivi di Sagna e Mangala hanno rafforzato ulteriormente la difesa, in mezzo al campo il re è Yaya Tourè e davanti si è risvegliato Jovetic.

Equilibrati anche gli altri gironi. Il Real Madrid campione in carica di Carlo Ancelotti ha pescato la mina Liverpool ma Mario Balotelli è di fatto l’unica preoccupazione per i blancos visto che nè Basilea, nè Ludogorets sembrano in grado di poter lottare per un posto negli ottavi. Come lo scorso anno, Arsenal e Borussia Dortmund si ritrovano insieme ma se all’epoca c’era il Napoli che puntava a fare da terzo incomodo, quest’anno è il turno del Galatasaray di Cesare Prandelli, che ritrova così da avversario quel Ciro Immobile con cui ha condiviso la sfortunata spedizione brasiliana. A completare il gruppo l’Anderlecht mentre va più che bene a Josè Mourinho. Il Chelsea non dovrebbe incontrare grosse difficoltà contro Schalke (già battuto nella fase a gironi un anno fa), Sporting Lisbona e Maribor. Bella sfida nel gruppo F, dove Zlatan Ibrahimovic se la vedrà col tridente delle meraviglie Neymar-Messi-Suarez oltre che tornare al Camp Nou da rivale. Sarà uno scontro fra titani quello fra Barcellona e Paris Saint Germain e difficilmente nè l’Ajax, nè tantomeno l’Apoel Nicosia, potranno inserirsi. Tutto aperto nei gironi C e H: nel primo caso difficile stabilire chi è favorito per il primo posto fra Benfica, Zenit, Bayer Leverkusen e Monaco mentre nell’altro gruppo la testa di serie Porto ha pescato Shakthar, Athletic Bilbao e Bate Borisov.

«Per noi un bel girone equilibrato, con campi caldi come quello dell'Atletico e del Pireo»: così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha commentato il sorteggio di Champions League.

«La Champions è un torneo, non un campionato, devono esserci anche delle circostanze favorevoli come abbiamo visto la scorsa stagione noi con il Galatasaray. Devo però dire che è un gironcino molto gradito, anche se ci sono delle insidie: penso al Malmoe, una squadra in grande attività e che chiude il campionato a novembre. Ma la qualificazione è e deve essere alla nostra portata». Beppe Marotta, dg della Juventus, commenta così il sorteggio. «Dove possiamo arrivare? Dobbiamo dare il massimo anche se il gap esiste e più passano gli anni e più questo gap si incrementa».

E la Roma? «Tutti ci vedono già fuori, lo vedremo. Quarta urna? Non siamo solo una outsider...», commenta Rudi Garcia. «Se siamo in quarta fascia, vuol dire che ci manca ancora qualcosa - prosegue Garcia - ma noi faremo di tutto in campo per dimostrare che non siamo solo un’outisder ».

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative