Un Cagliari tutto cuore mette la Roma al tappeto: 3-2

La gioia rossoblù dopo il terzo gol che ha indirizzato la partita verso la vittoria, la terza consecutiva

Terzo successo di fila dei rossoblù: reti di Lykogiannis, Marin e Joao Pedro. Agganciati al terzultimo posto Benevento e Torino

CAGLIARI. Cambia marcia il Cagliari: con la Roma arriva la terza vittoria consecutiva che cambia completamente la classifica e la prospettiva salvezza. Un 3-2 emozionante, in cui i rossoblù hanno gettato il cuore oltre all’ostacolo. Senza Nainggolan, Semplici ha scelto il modulo con due punte vere, Simeone e Pavoletti, con Joao Pedro arretrato ed è stato ripagato. Ora i rossoblù sono appaiati al terzultimo posto con Torino e Benevento, e poco più su c'è anche lo Spezia.

La cronaca. Cagliari al vantaggio fulmineo al 4’ con una bella azione sulla destra di Nandez, traversone al centro con un tocco di Joao Pedro di tacco che finisce sul sinistro di Lykogiannis che da due passi non ha difficoltà a infilare l’1-0. Al 16’ la Roma riparte con Carles Perez che parte come una scheggia sulla destra, arriva sino al limite dell’area ma il suo tiro finisce sul fondo. Il pari arriva al 27’ dopo un lungo possesso palla dei giallorossi: Carles Perez si incunea in area tira una prima volta colpendo il palo, poi sulla ribattuta c’è sempre lui che insacca facilmente.

Al 31’ fiammata rossoblù, con un tiro dal limite di Joao Pedro che Pau Lopez respinge in tuffo. Replica la Roma con un colpo di testa di Fazio che Vicario devìa sopra la traversa. Al 46’ il Cagliari sfiora il raddoppio: cross di Deiola e Godin spintosi in avanti non riesce a indirizzare la palla di testa in porta, mandandola sul fondo.

La ripresa si apre al 5’ con un’occasione per il Cagliari: Pavoletti penetra in area ma viene contrastato da un avversario, sul rimpallo si avventa Simeone che però trova l’uscita del portiere della Roma a sbarrargli la via della rete. Subito Vicario manda in angolo un bel tiro di Borja Mayoral. All’improvviso il Cagliari passa di nuovo in vantaggio al 12’ con un destro al fulmicotone di Marin: sponda di Simeone e il rumeno avanza e poi spara un destro potentissimo che non lascia scampo a Pau Lopez.

Al 19’ arriva anche il terzo gol: calcio d’angolo dopo un rapido contropiede orchestrato da Simeone e Nandez. Il Ccorner battuto da Marin viene deviato in maniera sontuosa da Joao Pedro, al quindicesimo centro stagionale per il 3-1. Ma la Roma non si arrende e su calcio d’angolo accorcia con Fazio al 24’ e si va sul 3-2.

Al 30’ doppio cambio per i rossoblù con l’ingresso di Cerri e Zappa che prendono il posto di Pavoletti e Lykogiannis. Vicario si esalta al 32’ su colpo di testa di Mancini che respinge con grande bravura. Al 37’ altri due cambi: fuori Marin e Simeone, dentro Duncan e Rugani. E il Cagliari tiene duro, sino alla fine, portando via anni di vita ai propri tifosi in un finale sofferto come quello contro il Parma e a Udine. Ma che importa? A 5 giornate dalla fine il campionato rossoblù sino a un mese fa quasi disastroso, è improvvisamente decollato.

Cagliari (3-4-1- 2): Vicario, Ceppitelli, Godin, Carboni; Nandez, Deiola, Marin (38' st Duncan), Lykogiannis (30' st Zappa); JoÒo Pedro; Simeone (38' st Rugani), Pavoletti (30' st Cerri). (1 Aresti, 34 Ciocci, 40 Walukiewicz, 16 Calabresi, 15 Klavan, 19 Asamoah). All.: Semplici.

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez, Mancini, Smalling (14' st Karsdorp), Fazio, Santon (14' st Cristante), Villar, Diawara (30' st Veretout) Bruno Peres (1« st Spinazzola), Carles Perez, Pellegrini (14' st Mkhitaryan), Borja Mayoral. (87 Fuzato, 5 Juan Jesus, 24 Kumbulla, 19 Reynolds, 27 Pastore, 92 El Shaarawy, 9 Dzeko). All.: Fonseca.

Arbitro: Irrati di Pistoia.

Reti: nel pt 4' Lykogiannis, 27' Carles Perez; nel st, 12' Marin, 19' Joao Pedro, 24' Fazio.

Note. Angoli: 10-4 per la Roma Recupero: 3' e 4'. Ammoniti: Marin, Cristante, Duncan per scorrettezze, Joao Pedro per comportamento non regolamentare.  

WsStaticBoxes WsStaticBoxes