La Nuova Sardegna

Sport

Campionato regionale Ocr

Lo spettacolo della Shardana a Stintino conquista pubblico e atleti

Lo spettacolo della Shardana a Stintino conquista pubblico e atleti

Obstacle course race: oltre 350 atleti hanno partecipato alla gara

31 ottobre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Stintino Oltre 350 atleti in una due giorni molto intensa di gare che hanno chiuso il campionato regionale di Ocr, Obstacle course race. Il Shardana urban challenge è un successo di pubblico e partecipanti. Alla competizione hanno preso parte alcuni degli atleti internazionali più forti Albert Soley, Eugenio Bianchi, Neus Ramis, Stefano Deavi, Federica Toni. E a certificare l’importanza della competizione anche la presenza del presidente della Fiocr Mauro Leoni. Una combattutissima short race su 3 chilometri, il top challenge, riservato agli atleti più forti, e l’Urban challenge, 11 chilometri e 30 ostacoli su cui si sono cimentati la maggior parte dei partecipanti.

Stintino si conferma una delle tappe più tecniche difficili dell’intero campionato. Con prove anche suggestive, come il rig in acqua o il percorso sulla spiaggia con il rig sulle saline e la corsa, una parte in acqua, verso le tonnare. Fino all’arrivo in arena sulla piazza in cui c’è il traguardo. Una formula vincente, anche perché Stintino con i suoi percorsi sul mare si presta in modo perfetto per questo tipo di gare. A vincere il Top challenge Eugenio Bianchi e Federica Toni. La short race è stata dominata da Marco Natalini e Maria Valente. I vincitori Urban challenge sono Bruno Fresu e Antonella Mariani. La Shardana events, marchio della Mudder inside, ha organizzato la manifestazione con la collaborazione del Comune di Stintino. Il presidente della Mudder inside, Domenico Elia, non nasconde la soddisfazione: «La Shardana Events poggia i suoi pilastri su una grande macchina organizzativa che negli anni ha saputo realizzare eventi di notevole successo fortemente apprezzati da atleti e spettatori – spiega Elia – . L’impegno e la passione ci hanno permesso di migliorare a ogni evento, con la consapevolezza di poter fare ancora meglio, già proiettati al Shardana 2023»

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative