La Nuova Sardegna

Sport

Serie A

Il Cagliari soffre ma riesce ad agguantare un punto importante a Lecce

di Enrico Gaviano
Il Cagliari soffre ma riesce ad agguantare un punto importante a Lecce

Pugliesi in vantaggio nel primo tempo ma poi ci pensa Oristanio a rimetterla in parità

06 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Il Cagliari si prende un punticino sul campo del Lecce che fa morale, dopo una lunga scia di sconfitte esterne, e fa fare un passetto in avanti in classifica. Finisce 1-1 con Oristanio che nella ripresa ha riagguantato i pugliesi andati in vantaggio con Gendrey. Un risultato da accogliere positivamente anche perché il Cagliari si è presentato con tante assenze e diversi giocatori acciaccati in panchina.

Cagliari in campo con la formazione più prevedibile dopo il recupero di Prati che si mette a centrocampo con ai lati Nandez e Makoumbou, in difesa il quartetto è composto da Zappa, Goldaniga, Dossena e Augello. In attacco c’è Viola dietro le punte Petagna e Oristanio.

Squillo rossoblù al 4’ con Dossena che colpisce di testa deviando un cross di Nandez ma non trova lo specchio. Replica al 9’ del Lecce : punizione da destra e deviazione di Gonzalez su cui interviene in uscita Scuffet che salva.

Al 15’ rasoterra dalla distanza di Oudin che colpisce l’esterno del palo. Il Cagliari riesce a presentarsi spesso dalle parti di Falcone, guadagnando due punizioni da fuori area ma prima Viola e poi Prati mandano la sfera sulla barriera.

Al 31’ arriva il vantaggio del Lecce sugli sviluppi di un calcio d’angolo con Gendrey che segna di testa profittando del fatto che viene lasciato solo dai giocatori del Cagliari, per lui il primo gol in serie A.

I rossoblù reagiscono subito con Nandez che recupera palla, serve Petagna che al limite dell’area si gira bene e calcia di destro ma manda sul fondo. Al 38’ ancora grossa occasione per il Lecce con Krstovic che da due passi sbaglia calciando malamente spedendo in fallo laterale.

Prati ci prova dal limite al 44’ dopo essersi liberato al tiro dal limite ma anche lui non inquadra la porta. Ma l’ultima occasione del primo tempo è ancora per la squadra di casa, evitata solo grazie a un salvataggio in extremis in coppia di Goldaniga e Augello.

Parte il secondo tempo e il Lecce al 48’ sfiora ancora il raddoppio: Strefezza per Gallo che prova il tiro da distanza ravvicinato ma manda fuori. Al 60’ ancora Lecce, colpo di testa di Krstovic e sfera centrale.

Pari al 68’ del Cagliari con Oristanio che riesce a deviare in porta in spaccata la punizione calciata da Viola. La palla entra nonostante l’intervento di Falcone che respinge con la sfera già oltre la linea come indica l’orologio dell’arbitro.

Il Cagliari al 70’ ancora in attacco con un gran tiro di Prati che Falcone neutralizza con un gran volo. Sul calcio d’angolo Viola colpisce il palo esterno. Poi lo stesso Viola, all’80’ , sfrutta una sponda di Petagna ma calcia lontano dalla porta di Falcone.

Nel finale girandola di cambi, con Ranieri che inserisce anche Di Pardo e Deiola, e prova ancora a pungere senza riuscire però a trovare il raddoppio ma impedendo anche qualsiasi azione pericolosa degli avversari.

Il tabellino:

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Pongracic, Baschirotto, Gallo; Gonzalez (79’ Blin), Ramadani, Kaba; Oudin (81’ Dorgu), Krstovic (79’ Piccoli), Strefezza (70’ Almqvist). A disposizione: Berisha, Venuti, Listkowski, Brancolini, Faticanti, Smaijlovic, Samooja. All. D’Aversa.

CAGLIARI (4-3-1-2): Scuffet; Zappa, Goldaniga, Dossena, Augello; Nandez, Prati, Makoumbou (89’ Deiola); Viola; Oristanio (81’ Di Pardo), Petagna. A disposizione: Radunovic, Aresti,  Hatzidiakos, Pereiro, Wieteska, Sulemana, Obert, Mancosu, Pavoletti, Azzi. All. Ranieri.

ARBITRO: Massa (Imperia).

RETI: 31’ Gendrey, 68’ Oristanio.

Elezioni regionali 2024
L'intervista

Desirè Manca, 8mila preferenze: «La gente è stanca di avere paura»

Le nostre iniziative