La Nuova Sardegna

Sport

Sport e scuola

Il Canopoleno di Sassari a Catanzaro per le Convittiadi

Il Canopoleno di Sassari a Catanzaro per le Convittiadi

L’istituto di Sassari parteciperà all’Olimpiade dei convitti nazionali dal 28 aprile al 5 maggio, in gara 64 studenti

26 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Dopo le brillanti partecipazioni degli anni scorsi, il Convitto Nazionale Canopoleno di Sassari, prenderà parte alla sedicesima edizione delle Convittiadi, che quest'anno si svolgeranno per il secondo anno consecutivo a Catanzaro, organizzate dal Convitto Nazionale Galluppi dal 28 aprile al 5 maggio.

Sport e divertimento in una piccola olimpiade dei convitti nazionali che vedrà impegnati 64 ragazzi dell'istituto sassarese, tra allievi della scuola secondaria di primo grado e dei licei.

I ragazzi si sfideranno, contendendosi le medaglie, sul campo da calcio a cinque e da tennis, passando per il basket, il sandvolley e gli scacchi, e poi nuoto, tennis tavolo e biliardino.

«Sarà una nuova occasione, per i nostri allievi, di confronto e crescita insieme ai loro coetanei provenienti dai convitti nazionali di tutta Italia - commenta il rettore del Canopoleno Stefano Manca- che per una settimana vivranno fianco a fianco condividendo esperienze con un linguaggio comune, quello delle attività sportive. Un'esperienza di grande valenza formativa che di sicuro arricchirà tutti nostri studenti».

 Il progetto Convittiadi è nato per favorire l’incontro e la socializzazione dei ragazzi che frequentano i convitti nazionali.

In questa occasione vi prenderanno parte ben 31 istituti di tutta Italia con oltre 2300 tra allievi e accompagnatori, pensato per diventare itinerante nel corso degli anni, con un grande obiettivo: contribuire alla loro crescita.

Lo sfondo è costituito dallo sport e dall’arte, ed i partecipanti, suddivisi in due distinte categorie- Small e Large - che abbracciano le età comprese tra il primo biennio della scuola media e il primo biennio di scuola superiore.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative