La Nuova Sardegna

Le mani della ‘Ndrangheta sugli affari elettorali, 14 misure cautelari

11 giugno 2024
1 MINUTI DI LETTURA





REGGIO CALABRIA (ITALPRESS) – I carabinieri del Ros, insieme ai militari del Comando provinciale di Reggio Calabria e dello Squadrone eliportato “Cacciatori” Calabria, hanno eseguito 14 misure cautelari, di cui 7 in carcere, 4 agli arresti domiciliari e 3 con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I provvedimenti sono stati emessi dal Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura. Gli indagati, a vario titolo, devono rispondere di associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata dal metodo mafioso, reati elettorali, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, falsità materiale e ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. L’indagine, diretta dalla Procura – Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Reggio Calabria, ha documentato l’esistenza di gravi e concordanti elementi relativi alla operatività e alle attività delittuose della cosca Araniti.
– foto ufficio stampa Carabinieri –
(ITALPRESS).

In Primo Piano
Il giallo

Lo choc di Andrea Deidda, fratello di Francesca: «Ora è solo, non ha più nessuno»

Sardegna

L' avvocato di Andrea Deidda: "Ho visto il borsone ma solo dopo ho capito che lei era lì dentro"

Le nostre iniziative