Città pronta a riabbracciare il chiosco “Grattachecca”

ALGHERO. Dai primi anni ’90 sino ai primi del 2000, per una decina di anni, hanno rinfrescato le calde giornate estive algheresi con le loro specialità a base di ghiaccio, frutta fresca, succhi di...

ALGHERO. Dai primi anni ’90 sino ai primi del 2000, per una decina di anni, hanno rinfrescato le calde giornate estive algheresi con le loro specialità a base di ghiaccio, frutta fresca, succhi di frutta e sciroppi. Lorena Vacca e suo marito Maurizio Locuratolo sono pronti a ritornare nella Riviera del Corallo con il loro “Grattachecca”. Era una presenza classica dell’estate algherese nel salotto di piazza Sulis: un chiosco colorato con lastre di ghiaccio, degli oggetti per grattarle a mano e una trentina di gusti diversi. È una bibita estiva, una sorta di granita, fatta a mano tipica di Roma dove è stata ribattezzata Grattachecca. Sono ben diciassette anni che mancano dalla piazza algherese dopo i noti problemi amministrativi dovuti a spostamenti vari. Piazza Sulis è stata la loro prima vera postazione, poi l’allora assessorato allo Sviluppo economico indicò un’altra postazione nella zona dei giardini Manno, dove venne trasferito insieme alle bancarelle che all’epoca si trovavano sul Lungomare Dante. Un trasferimento che, di fatto, non è mai avvenuto per tutta una serie di impedimenti burocratici, tra i quali, roba di non poco conto, il passaggio presso l'Ufficio tutela del paesaggio perché il chiosco sarebbe risultato di fronte alla statua di Giuseppe Manno.

Era il 2008 quando il Comune rilasciò una concessione decennale per la postazione fronte giardini Manno, dove erano impossibilitati a eseguire alcuni allacci come acqua e fogna, come ha scritto l’avvocato Carlo Spampinato nella lettera inviata tempo fa agli uffici comunali. Una vicenda che all’epoca fece parlare tanto. Ora, dopo tanti anni, la città è pronta a riabbracciare il suo Grattachecca anche se i proprietari, con i loro due figli, sono sempre ritornati in città.

Nel frattempo, con il loro Grattachecca, si sono trasferiti nel Lazio terra natale di Maurizio. Qualche mese fa i due avevano chiesto un incontro con qualche rappresentante dell’amministrazione Conoci. Ebbene, a tendere una mano è stata proprio l’assessora allo Sviluppo Economico Giorgia Vaccaro. «L’assessora – dice Maurizio Locuratolo – si è dimostrata interessata e disponibile a fare tutte le verifiche del caso. Finalmente, qualcuno si prende a cuore la nostra istanza. Siamo in attesa di una risposta che spero arrivi al più presto». Insomma, grazie all’intermediazione dell’assessora al Commercio e Sviluppo Economico Giorgia Vaccaro, Alghero e gli algheresi potrebbero “riabbracciare” il loro Grattachecca, quello originale. (ni.ni.)



WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes