La Nuova Sardegna

Alghero

Pescatori di Alghero, accordo con il Parco: durante il fermo biologico si occuperanno di formazione e raccolta rifiuti

di Nicola Nieddu
Pescatori di Alghero, accordo con il Parco: durante il fermo biologico si occuperanno di formazione e raccolta rifiuti

28 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Alghero Accordo raggiunto tra pescatori e Parco di Porto Conte - Amp Capo Caccia - Isola Piana. Dopo mesi di incontri e manifestazioni di protesta, ieri mattina a Casa Gioiosa è stato sottoscritto l'accordo che prevede per i pescatori un ristoro per il quale è stata già assegnata, dalla Regione all'Ente parco, la somma di 200mila euro da suddividere equamente tra il 2023 e il 2024.

Secondo l'accordo, come già anticipato le scorse settimane, i pescatori colpiti dal fermo biologico dell'Amp si dovranno occupare di diverse attività da svolgere all'interno della Baia di Porto Conte: raccolta rifiuti, monitoraggi, formazione, educazione ambientale e organizzazione di eventi per valorizzare il pescato dell'area protetta. Lo stop riguarda la pesca con le nasse, dal primo settembre al 28 febbraio, mentre è aperta la pesca con reti, palamiti e fiocina. Dunque fra poco più di un mese tutti gli operatori potranno nuovamente pescare all'interno della baia che ricade all'interno dell’Area marina. Apertura totale sino a tutto agosto 2023 e poi, dal primo settembre, nuovamente uno stop alle nasse.

All'incontro di ieri a Casa Gioiosa erano presenti, tra gli altri, il direttore del Parco algherese Mariano Mariani, il funzionario dell'Amp Alberto Ruiu e una rappresentanza di pescatori delle associazioni Banchina Millelire e Cigarellu.

Durante l'incontro i rappresentanti dell'Amp hanno illustrato i termini dell'accordo. Grande soddisfazione è stata espressa dai pescatori. «Finalmente si sta iniziando a dialogare serenamente con i vertici del Parco – hanno commentato alcuni operatori presenti –. La salvaguardia del Parco e dell'Amp e delle specie presenti è anche nostro interesse. L'accordo è stato possibile grazie all'intervento della Regione, che ha concesso un contributo di 200mila euro per i ristori». Intanto per mercoledì prossimo è previsto un altro incontro, convocato dal presidente della commissione Ambiente Christian Mulas, con l’obiettivo di illustrare i termini del regolamento disciplinare dell'Amp.
 

In Primo Piano
L’emergenza

Campagne invase dai cinghiali: agricoltori sul piede di guerra

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative