La Nuova Sardegna

Cagliari

Il delitto

San Gavino, donna massacrata di botte e strangolata: fermato un figlio

di Luciano Onnis
San Gavino, donna massacrata di botte e strangolata: fermato un figlio

L’uomo, di 43 anni, è stato portato in caserma. La vittima aveva 77 anni

25 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





San Gavino Avrebbe picchiato e strangolato l’anziana madre uccidendola, preso da un raptus durante uno dei ricorrenti litigi per futili motivi, sempre originati dalle precarie condizioni psichiche del presunto autore del delitto. La vittima si chiamava Maria Atzeni e aveva 77 anni, vedova, a ucciderla sarebbe stato il figlio Simone Uras, di 43 anni. Il delitto è accaduto nella tarda serata di ieri 24 febbraio nell’abitazione di famiglia in via Tiziano.

A scoprire quanto avvenuto è stato un altro figlio della vittima quando è tornato a casa intorno alle 22,30 e ha trovato la madre distesa sul pavimento in soggiorno, con evidenti segni di percosse, in particolare sul volto e in testa. Tutt’attorno suppellettili a pezzi, sedie rovesciate. La donna non dava alcun segno di vita. Sono stati chiamati il 118 e i carabinieri, ma inutile anche effettuare tentativi di rianimazione della donna, ormai morta.

I carabinieri hanno trovato il presunto autore dell’omicidio in una via di Pabillonis, a bordo di un’auto, l’uomo ha farfugliato qualcosa senza opporre resistenza. Intanto sul posto i carabinieri della Compagnia di Villacidro, diretti dal capitano Francesco Capula, sono stati raggiunti dai  colleghi del nucleo investigativo provinciale con il comandante  maggiore Nicola Pilia, gli specialisti del Ris che hanno iniziato il lavoro di ricostruzione della tragedia. Sul posto anche il magistrato di turno nella Procura del Tribunale di Cagliari e il medico legale, mentre l’indiziato del delitto è stato portato in caserma per essere interrogato formalmente dagli inquirenti. Il corpo della vittima è stato invece trasferito a notte fonda  all’istituto di medicina legale del Policlinico di Monserrato per l’autopsia disposta dal magistrato. 

In Primo Piano
Il funerale

«Il nostro Stefano torna a casa»: all’ippodromo di Sassari la camera ardente per il giovane fantino

Le nostre iniziative