La Nuova Sardegna

Olbia

calangianus

Pd ancora primo partito. «Ormai superate le divisioni»

Pd ancora primo partito. «Ormai superate le divisioni»

CALANGIANUS. Il Pd nelle recenti elezioni europee ha confermato di essere il primo partito in paese e nonostante la diminuita percentuale dei votanti in generale, passata dal 48% delle regionali...

28 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CALANGIANUS. Il Pd nelle recenti elezioni europee ha confermato di essere il primo partito in paese e nonostante la diminuita percentuale dei votanti in generale, passata dal 48% delle regionali dello scorso mese di febbraio al 40% di domenica scorsa, ha conseguito ben 555 voti. 325 i voti andati a Grillo, diventato così il secondo partito, mentre con i 316 voti Forza Italia, ieri partito principe, conferma di essere in netto calo.

Su questo positivo risultato il circolo Pd esprime grande soddisfazione. A firmare un documento a nome del circolo Pd è la coordinatrice Simonetta Melis, la candidata donna con il maggior numero di preferenze negli schieramenti nella provincia Olbia-Tempio alle regionali.

«È stato un successo – esordisce la Melis - non solo a livello nazionale, ma anche sul piano locale. Confermiamo, come alle regionali, di essere il primo partito. Un risultato straordinario per un partito che, a Calangianus, aveva subito sulla propria pelle il devastante risultato alle politiche di due anni fa, effetto della frammentarietà all’interno del proprio direttivo e che, con la nuova conduzione, ha iniziato un processo di rinnovamento, che lo ha portato al successo alle scorse regionali e che ora deve proseguire. Il circolo è oggi un fermo e solido punto di riferimento per tutta l’area di elettorato che si riconosce nel centrosinistra di questo paese».

«Un ringraziamento è doveroso - ribadisce il documento firmato dalla Melis- nei riguardi dell’impegno dei nostri militanti e sostenitori sul territorio. Siamo ancor più motivati e gratificati, il nostro lavoro non si ferma qui. Prosegue con nuove iniziative. Il paese vuole risposte ai problemi, i proclami senza prospettive non piacciono ed i risultati elettorali ci hanno consegnato anche questo messaggio in modo inequivocabile». (p.z.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Il rogo

Usellus, il maestrale spinge l’incendio verso l’altopiano della Giara: in azione 4 canadair

Le nostre iniziative