La Nuova Sardegna

Olbia

Furto in chiesa, attacco al sindaco «È anche colpa sua»

di Sebastiano Depperu
Furto in chiesa, attacco al sindaco «È anche colpa sua»

Luogosanto, critiche della minoranza dopo il raid in basilica «L’impianto di videosorveglianza è inattivo da sei mesi»

30 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





LUOGOSANTO. Sabato scorso sono stati rubati gli ori dalla Madonna nella Basilica di "Nostra Signora di Luogosanto". Le indagini vanno avanti per cercare i colpevoli di un gesto che ha dei precedenti. Dal gruppo di minoranza consiliare, però, si apprende che il servizio di videosorveglianza era disattiva da diversi mesi. Non ci saranno immagini, dunque, che potranno aiutare il lavoro degli inquirenti.

«Intanto esprimiamo il nostro profondo disappunto per l'ennesimo atto sacrilego attuato ai danni della nostra Basilica e della Patrona di Gallura Nostra Signora di Luogosanto: non è il primo negli ultimi anni. Speriamo sia l'ultimo - commenta il capogruppo Piero Sanna, a nome dell'opposizione -. La precedente amministrazione comunale aveva provveduto ad installare un sistema di video vigilanza, sistemato nell'area dei portici del palazzo Comunale, proprio di fronte alla Basilica, il cui raggio di azione interessava l'intera piazza della chiesa stessa». Il sistema di videosorveglianza era stato installato dopo gli atti vandalici del 2009 e il penultimo furto ai danni della Basilica, di qualche anno fa.

«Ci interroghiamo con tanto sgomento del perché il sistema di video vigilanza fosse disattivato (pensiamo lo fosse da almeno sei mesi). Non capiamo perché, inoltre, il sindaco abbia potuto dichiarare che si dovrebbe studiare un modo per garantire la sicurezza (della Chiesa), magari, attraverso l'installazione di telecamere. Molto probabilmente, si vuole coprire il fatto che il sistema di videosorveglianza è disattivato da almeno sei mesi perché non si è provveduto alla sua dovuta manutenzione. Ancora una volta, come minoranza e, soprattutto, come cittadini, chiediamo di non essere presi in giro. Questa è una questione molto seria».

Il furto è avvenuto sabato scorso, presumibilmente attorno alle 14.30. A quell’ora, la piazza era vuota. La chiesa, come luogo di preghiera è sempre aperto e accessibile ai fedeli. Ignoti, che di devozionale hanno ben poco, hanno spogliato la statua della Madonna di Luogosanto di alcuni dei suoi gioielli, ex voto dei numerosissimi fedeli alla "Regina di la Gaddhura". All'appello mancano una collana d’oro, un bracciale, un rosario. La scoperta è stata fatta, la sera stessa, dal parroco.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Cronaca

Sassari, tenta di uccidere un uomo col camion: lui arrestato, il 54enne è gravissimo in ospedale

di Gianni Bazzoni
Le nostre iniziative