Un mutuo di 4 milioni per il Caocci

Il Comune porta in Consiglio la proposta. Piccinnu: «Non un euro per il Nespoli»

OLBIA. Il Comune accende un mutuo di 4 milioni e mezzo per mettere a norma le strutture sportive all’interno del parco Fausto Noce. Sono previsti lavori di messa in sicurezza, adeguamento alla normativa, ma anche manutenzioni straordinarie e copertura delle tribune del Caocci. Il mutuo sarà sottoscritto con il Credito sportivo a un tasso conveniente. La proposta verrà illustrata lunedì pomeriggio in consiglio comunale.

Cambio di rotta. Il pagamento a rate per rifare il look al Caocci segna un cambio di rotta dell’amministrazione Nizzi in tema finanziario. Nel mese di giugno proprio il sindaco, Settimo Nizzi, aveva cestinato senza pietà la proposta delle opposizioni di accendere dei mutui per finanziare opere pubbliche.

Rewind. A inizio estate Coalizione civica, Nuova Olbia e Movimento 5 stelle avevano fatto una proposta articolata all’amministrazione. Allora si discuteva di come utilizzare i 12 milioni di euro dell’avanzo di amministrazione. Si tratta del tesoretto comunale in cui finiscono tutti i soldi non ancora investiti. Le minoranze avevano chiesto di destinare parte di quelle risorse alle aziende e alle famiglie messe in ginocchio dal lockdown e dalla perdita del lavoro. «I contributi non possono essere finanziati con un mutuo, le opere pubbliche invece sì – ricorda il capogruppo della Coalizione civica, Rino Piccinnu –. Ecco perché avevamo chiesto al sindaco di utilizzare alcuni milioni di euro dell’avanzo di amministrazione, subito spendibili, per aiutare i nostri concittadini e le aziende. La maggioranza invece, con una variazione di bilancio, destinò tutti i 12 milioni di euro a opere pubbliche: marciapiedi, asfalto, scuole. Il sindaco disse che lui non avrebbe di certo acceso mutui facendo fare debiti al Comune. Poi però ora accende un mutuo di 4 milioni per il Caocci».

Nespoli zero euro. Piccinnu non contesta gli interventi al Caocci, «sicuramente necessari», ma il metodo. E non solo. «Ben venga il restyling delle strutture sportive. Dispiace però che non ci sia un solo euro per il Nespoli, stadio in cui si allena l’unica squadra professionista della città».



WsStaticBoxes WsStaticBoxes