La Nuova Sardegna

Olbia

Sicurezza

Olbia, il sindaco Settimo Nizzi firma una nuova ordinanza anti alcol

Olbia, il sindaco Settimo Nizzi firma una nuova ordinanza anti alcol

Il divieto è stato esteso fino al 31 dicembre e comprende anche nuove aree

19 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia. Il sindaco Settimo Nizzi ha firmato oggi, martedì 19 marzo, una nuova ordinanza anti alcol. Si tratta del rinnovo di quella scaduta lo scorso 29 febbraio. Stavolta l’ordinanza resterà in vigore fino al 31 dicembre. «A seguito di segnalazioni ricevute e fatti accaduti, è emersa la necessità di proseguire con azioni volte a tutelare la tranquillità sociale, la qualità della vita e la salute dei nostri concittadini – dice il primo cittadino –. Per questo, abbiamo adottato una nuova ordinanza che vieta il consumo di bevande alcoliche in alcune aree della città».

Nello specifico, l’ordinanza vieta il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche, di qualsiasi gradazione e per tutte le ore della giornata, in numerose vie e piazze della città. La mappa dei divieti, rispetto all’ultima ordinanza, si estende ulteriormente. «Da questo divieto sono ovviamente esclusi i locali e le loro aree esterne, come ad esempio i dehors» specificano dal Comune.

Queste le strade e le piazze individuate: corso Umberto, piazza Regina Margherita, via Regina Elena, piazza Crispi, via Sassari, via Acquedotto, piazza Matteotti, piazza Mercato, via Dettori, via Bari, via Vittorio Veneto, via Armando Diaz, via Fiume d’Italia, via San Simplicio, via Brigata Sassari, piazza Brigata Sassari, piazza San Gallo. Il provvedimento va ad aggiungersi a quello adottato qualche settimana fa e che dispone la chiusura, dalle 20 alle 7, di tutti gli esercizi di vicinato di generi alimentari in alcune aree di Olbia. «La finalità – aggiungono dal Comune – è sempre quella di tutelare la quiete pubblica, la tranquillità dei residenti, il patrimonio storico-architettonico della città e l’arredo urbano».

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative