La Nuova Sardegna

Elezioni regionali 2024
Verso il voto

Elezioni regionali, va in scena il primo confronto pubblico tra i quattro candidati presidenti

di Umberto Aime

	I candidati governatori nello studio Rai di Cagliari, la giornalista è Maria Spigonardo 
I candidati governatori nello studio Rai di Cagliari, la giornalista è Maria Spigonardo 

Il faccia a faccia è stato registrato negli studi di Rai Sardegna-Tgr e condotto dalla giornalista Maria Spigonardo. Le regole del dibattito hanno impedito che si alzassero i toni, al netto di qualche stoccata

01 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Quattro domande, due minuti di tempo ciascuno per rispondere: è andato in scena il primo confronto pubblico tra i quattro candidati alla presidenza della Regione: Alessandra Todde per il centrosinistra-Campo largo, Renato Soru, Coalizione sarda, Paolo Truzzu, centrodestra e Lucia Chessa per Sardigna R-esiste. Il faccia a faccia è stato registrato negli studi di Rai Sardegna-Tgr e condotto dalla giornalista Maria Spigonardo. Forse anche a causa delle regole del dibattito, il confronto è stato tutt’altro che acceso, al netto di qualche stoccata, mentre in queste ultime settimane i candidati non hanno perso certo occasione per attaccarsi seppure a distanza.

Tre i temi i proposti: trasporti, sanità ed energia. La prima domanda però è stata sul perché siano scesi in campo: «Siamo davanti a un bivio _ ha detto Alessandra Todde _ da una parte abbiamo il disastro e la Sardegna in decadenza, dall'altra una proposta di cambiamento che arriva dalla coalizione di centrosinistra, nata nell’Isola, e che si è costruita partendo dalla fiducia reciproca. Ogni forza politica ha dovuto lavorare duramente per superare diffidenze e rigidità reciproche, per arrivare a una candidatura condivisa, la mia, e presentarsi alle elezioni con un programma unitario». Poi è stata la volta di Renato Soru: «La Sardegna merita molto più di una scelta forzata tra la destra e il massimalismo e populismo del M5s. Entrambe sono state imposte da Roma».

Paolo Truzzu ha sottolineato di essere sceso in campo «perché i leader sardi del centrodestra mi hanno proposto di guidare la coalizione. Ho accettato esclusivamente perché il mio mandato di sindaco era sostanzialmente giunto al termine e quindi non avrei tradito i cagliaritani». Lucia Chessa ha evidenziato: «Offriamo ai sardi un'alternativa credibile, nonostante una legge elettorale vergognosa che impedisce lo sviluppo delle minoranze».

Su trasporti e continuità territoriale Todde propone «un modello misto che nei mesi di alta stagione sia con il libero mercato e con il supporto pubblico nei periodi di spalla». Per Soru «si deve partire dalle norme europee, che sono chiare e note sin dal 2008, ma cui si può derogare per garantire il diritto alla mobilità dei sardi». Per Truzzu la soluzione passa per il governo nazionale: «Dopo 15 anni questo sistema mostra le sue crepe, è necessario un intervento per ripensarla. A Bruxelles dovremo trattare con l'Europa e il governo Meloni sarà al fianco della Sardegna». Punta invece sulla continuità interna Chessa: «Le strade in Sardegna sono in condizioni pessime».

Su sanità ed energia sono stati molti i punti in comune tra i candidati, con qualche distinguo per l'outsider Chessa. Todde, Soru e Truzzu hanno ribadito che non hanno in mente una nuova riforma sanitaria ma sviluppare la medicina territoriale e intervenire sul reclutamento di medici e infermieri. Per Chessa, invece, «serve una riforma radicale dopo le due disastrose fatte dalle passate giunte di centrosinistra e centrodestra».

L'energia è stato invece campo di battaglia tra Todde e Soru, il punto in comune è l’Agenzia per l'energia. Per Truzzu resta «fondamentale il metano in via transitoria», mentre Chessa è convinta che «senza le proteste dei comitati spontanei territoriali la speculazione scatenatasi sulle rinnovabili oggi non sarebbe finita all'attenzione della politica regionale».

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative