La Nuova Sardegna

Le previsioni

Campeggi protagonisti dell’estate in Sardegna: +20% rispetto al 2023


	Turisti in un camping
Turisti in un camping

Chi sceglie l’outdoor in media spende di più di chi predilige l’hotel

21 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Sarà il turismo outdoor il protagonista dell'estate 2024 in Sardegna con i campeggi che anche quest'anno avranno il segno più nelle presenze, dal 10 al 20% secondo le elaborazioni di Faita Sardegna sui dati pubblicati da Enit, l'Agenzia nazionale del turismo.

Il turista, negli ultimi anni cerca sempre di più la natura e l'outdoor, quindi sempre più di più il campeggio. Nel 28% la scelta è dettata dal desiderio di vivere una vacanza in libertà, mentre nel 22% dei casi è la voglia di entrare in connessione con la natura. «Il campeggio oggi soddisfa vaste aree di domanda dalla più semplice alla più esigente con maggior capacità di spesa - evidenzia Nicola Napolitano, il presidente di Faita Sardegna l'associazione dei campeggi -. Il nostro cliente non può più essere circoscritto al campeggiatore classico o chi è alla ricerca di una vacanza low cost: ormai le persone più diverse scelgono la vacanza en plen air, anche grazie ad una offerta sempre più diversificata, in cui riusciamo ad unire contatto con la natura, comfort e persino lusso».

Le tendenze dell'estate 2024 sono che 1 italiano su 5, il 22%, opterà per una vacanza outdoor, superando il dato positivo dell'anno scorso. La vacanza en plein air sta attraendo in particolare l'attenzione dei turisti di età compresa tra i 35 e i 54 anni. Tra l'altro la metà degli italiani, durante l'anno, ha optato per almeno un weekend nel segno delle escursioni. Altro dato apparentemente sorprendente è che la spesa per la vacanza outdoor, complessivamente, è maggiore del 22% rispetto a quella di chi soggiorna in hotel: 1.918 euro rispetto ad una spesa media di 1.575 euro.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative