Data per morta ma era viva: ora è deceduta e i parenti donano gli organi

La donna è mancata nel reparto di rianimazione del Santissima Annunziata di Sassari

SASSARI. È deceduta la donna di 80 anni originaria di Bergamo e residente a Uri che era stata data erroneamente per morta già una settimana fa, quando era ricoverata nel reparto di Medicina d'urgenza dell'ospedale Santissima Annunziata di Sassari. La donna era stata poi trasferita nel reparto di Rianimazione, dove ieri è statala morte cerebrale.

Oggi, dopo averla tenuta sotto osservazione per l'intera giornata e constatato che non c'era più alcun dubbio sul decesso, le sono stati espiantati il fegato e i reni, con l'autorizzazione dei familiari. La donna era arrivata in ospedale nove giorni fa. La figlia l'aveva trovata in casa, riversa sul pavimento del bagno. Aveva perso conoscenza a causa di un ictus.

Nel pomeriggio di quel lunedì era stata data per morta. I familiari erano così erano tornati in paese per organizzare i funerali. Il parroco aveva suonato le campane a morto, era stata già acquistata la bara ed era stato prenotato un loculo nel cimitero del paese. L'indomani, arrivati in ospedale, i parenti avevano scoperto che la loro cara era stata trasferita in Rianimazione: in gravi condizioni, ma ancora viva.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes