Torna la Pastorale del turismo

Il vescovo Mura: «Accoglienza e promozione del territorio». Gli ospiti: da Cottarelli a Koll e Gratteri

LANUSEI. Settima edizione. La pastorale del turismo targata Diocesi di Lanusei raggiunge un traguardo che sa di continuità e pregnanza, nei temi, nei contenuti, nel format 2021. L’estate cristiana pensata, programmata e desiderata dal vescovo Antonello Mura coinvolge, per il secondo anno consecutivo, anche la Diocesi di Nuoro, perché comune è la prospettiva, perché “insieme c’è più festa” e perché la strada condivisa è foriera di nuovi incontri e nuovi stimoli. A proposito di strada e di viaggi: “Quanto corri! Dove vai?”. Eccolo lo slogan che scandirà tutti i momenti della pastorale e che verrà, via via, declinato nelle serate di agosto, fra incontri, dibattiti, concerti e spettacoli, con ospiti di particolare caratura e temi strettamente attuali: dalla politica, alla giustizia, dalla musica all’arte, dallo sport all’ambiente, passando per i momenti di spiritualità, riflessione e preghiera.

Ne è profondamente convinto il vescovo, sia del progetto che della sinergia: «Le nostre due Diocesi – ha sottolineato – arricchite da un territorio di rara bellezza, possono e devono programmare incontri e iniziative che abbiano un’impronta ecclesiale e una sensibilità culturale. Siccome la fede non va mai in vacanza e la riflessione non può permettersi pause, mantenere alto il livello delle opportunità d’incontro potrà manifestare pienamente il carattere ospitale e fraterno delle nostre realtà». Tutto questo perché, in fatto di evangelizzazione e incontro tra le persone, anche nel periodo del riposo come quello dei mesi estivi, la Chiesa può e deve offrire la sua proposta. Di qualità. «Tra le finalità da raggiungere – ha proseguito Mura – quello di favorire atteggiamenti di accoglienza che, insieme alla promozione di un territorio, permetta la possibilità di intese e sguardo comuni tra istituzioni e privati e tra enti e comunità, con il coinvolgimento di operatori turistici, associazioni di categoria e volontari, e soprattutto di una Chiesa locale che mette a disposizione il suo ricco patrimonio di fede, tradizioni e di cultura». Ecco, appunto, la qualità, carattere distintivo di questi anni di pastorale del turismo. A partire dagli ospiti: da Carlo Cottarelli a Claudia Koll a Katia Ricciarelli e Francesco Zingariello, da Neri Marcorè a Francesco Repice e poi ancora Nicola Gratteri, Stefania Garassini, Walter Ricciardi, Paolo Benanti, Lella Mazzoli, Gianfranco Zola, Dario Vergassola e David Riondino, Giorgio Zanchini, Mogol, Simona Atzori, Gavino Murgia, Gianpiero Perone, il vescovo di Lamezia Terme, monsignor Giuseppe Schillaci. Proseguirà, inoltre, la collaborazione con la Fondazione del Teatro Lirico di Cagliari. Macchina organizzativa collaudata da tempo che schiera volontari e tecnici, giovani e famiglie, addetti ai lavori e comunità parrocchiali. Palcoscenico privilegiato sarà l’anfiteatro Caritas di Tortolì nelle serate che vanno dal 16 al 27 agosto (con le anteprime del 9 agosto a Lanusei e dell’11 agosto a Tortolì; tornerà anche il pellegrinaggio dalla città rivierasca a Santa Maria Navarrese, la vigilia dell’Assunta, il 14 agosto) e la piazza della Cattedrale Santa Maria della Neve, a Nuoro, per gli appuntamenti dal 30 agosto al 1 settembre. Non solo un ricco e variegato calendario di eventi, dunque, ma un territorio che vuole essere, per chi lo abita e per chi decide di trascorrere in essa alcuni giorni di riposo, fonte inesauribile di conoscenza, di confronto, di incontro e scoperta, di riflessione e di bellezza, che rigenerano offrendo alternative di qualità.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes