La Nuova Sardegna

Nuoro

Carabinieri

Truffati inscenano un rapimento: tre sardi finiscono in galera a Milano

Truffati inscenano un rapimento: tre sardi finiscono in galera a Milano

Il gruppetto proveniente dalla Barbagia ha cercato di vendicarsi di tre fratelli rinchiudendoli in un B&B e chiedendone il riscatto. I carabinieri hanno scoperto il covo e arrestato gli improvvisati rapitori

22 aprile 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Milano Prima la truffa poi la ritorsione con il rapimento finito poi con l’arresto degli improvvisati rapitori, tre sardi. Sono gli elementi di una storia  raccontata dal quotidiano Il Giorno, scritto da Nicola Palma, e che si è sviluppata a Milano. Protagonisti tre intraprendenti giovani milanesi (due peraltro già noti alla giustizia) e tre barbaricini. I sardi hanno subito la truffa da parte dei “continentali” che si sono appropriati con l’inganno di cronografi di pregio e bitcoin  senza versare il corrispettivo in denaro, e  quindi hanno pensato di vendicarsi dei tre. Arrivati dalla Sardegna hanno affittato una stanza in un bed and breakfast e attirano i giovani truffatori con una scusa. Una volta presi nella trappola i i milanesi sono stati malmenati e quindi immobilizzati.

A quel punto è partita la telefonata ai genitori dei tre fratelli con la richiesta del riscatto di 120mila euro. Papà e mamma, entrambi pregiudicati, però hanno denunciato il tentativo di rapimento con richiesta di riscatto ai carabinieri. E i militari hanno impiegato poco, grazie alle tecnologie che individuano i posti da cui partono le telefonate cellulari, per trovare i barbaricini con le tre vittime del rapimento. I giovani sono stati  liberati mentre i tre sono finiti in cella: si tratta degli incensurati D.S, di 30 anni,  e D. M di 31, e il fratello di quest’ultimo, il pluripregiudicato 30enne M.M

In Primo Piano
Incidente

La Maddalena, con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale della Marina

Video

Processo Grillo, Corsiglia si difende in aula: «Nessun abuso, con la ragazza un rapporto sessuale»

Le nostre iniziative