Convegni, concerti e regate per i 250 anni della Maddalena

Nel programma per le celebrazioni dell’anniversario è prevista anche la replica dell’Holi color Il neo assessore Guccini: «La Regione ci chiede un progetto fresco, che unisca cultura e divertimento»

LA MADDALENA. La prima sfida del neo assessore al Turismo, Massimiliano Guccini, è il programma di celebrazione dei 250 anni della fondazione della città. Da due settimane Guccini siede sulla poltrona che per due anni è stata di Fabio Lai, oggi consigliere di maggioranza ma senza deleghe. Tre giorni dopo l’accettazione del nuovo incarico Guccini ha incontrato l’assessore regionale al Turismo Barbara Argiolas. Il finanziamento regionale di 250mila euro per il compleanno della città era a rischio. «Quei fondi, stanziati nel luglio 2016 erano pressoché persi – spiega Guccini –. Secondo gli uffici il progetto degli eventi presentato dal mio predecessore non seguiva le linee guida della Regione ed era stato già archiviato come non finanziabile. Un giudizio negativo non sui contenuti, ma sulla forma. L’assessore Argiolas ci ha dato dei preziosi consigli per correggerlo in modo che avesse i requisiti necessari per ottenere le risorse. I nostri uffici ora dialogano costantemente con quelli regionali».

Le linee guida. La Regione chiede un programma fresco, che metta insieme cultura e divertimento, raggiunga gli adulti e i giovani, abbia risalto mediatico e sia un’occasione di promozione turistica.

Cultura e giovani. «Lavoriamo a un calendario nel quale tutti, giovani e adulti, possano trovare un evento a loro dedicato» dice Guccini. Il Comune è chiamato a declinare la coraggiosa filosofia dell’assessore Argiolas: celebrare la storia non deve per forza diventare roba da sbadiglioni. Ed è per questo che tra gli eventi ci sarà la replica dell’Holi color, l’evento di musica e colori che la scorsa estate trasformò Cala Gavetta in una colorata discoteca all’aperto. L’amministrazione vorrebbe poi che al compleanno della città ci fosse uno dei suoi più illustri cittadini, Valerio Scanu. Non mancheranno poi convegni, incontri culturali e una grande regata con le marinerie sarde e corse.

Le associazioni. Il programma ingloberà anche i progetti delle associazioni cittadine. I migliori verranno indicati non dal Comune ma da una “commissione di saggi” scelta dalle associazioni. 32 le proposte storico-culturali su cui la commissione dovrà fare sintesi. Dieci i giorni per compiere la mission impossible. «Al finanziamento regionale si affiancherà anche un finanziamento comunale ancora da quantificare – afferma Guccini –. Potremmo utilizzare anche una parte delle risorse della tassa di sbarco, ma sempre con la cautela che si deve quando si gestiscono fondi pubblici».

La promozione. Guccini lavora anche sulla promozione turistica. «Il mio predecessore ha lavorato bene sugli spettacoli ma forse ha tralasciato un po’ la promozione. L’isola funziona benissimo d’estate, poco, anzi pochissimo nei periodi di spalla. Insieme al Parco è arrivato il momento di partecipare alle borse internazionali del turismo e intercettare i flussi dal nord Europa. (se.lu.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes