Maltempo senza fine, danni in tante strade

Sedilo, chiesto lo stato di calamità naturale per i problemi alla viabilità rurale e alla Provinciale 24

SEDILO. La giunta comunale ha richiesto il riconoscimento dello stato di calamità naturale per i gravi danni provocati dal maltempo negli ultimi due mesi. Strade rurali ridotte a enormi pantani, pericolo di smottamento in vari punti della viabilità, colture, foraggere e pascoli allagati hanno creato non poche difficoltà agli imprenditori agricoli e messo il Comune nella condizione di dare fondo alle esigue risorse disponibili per intervenire con la massima urgenza nelle strade più disastrate. Ma stando a una prima stima dei danni al patrimonio pubblico sarà pressoché impossibile fronteggiare la situazione se la Regione non asseconderà la richiesta d’aiuto dell’amministrazione locale, che ha invocato interventi finanziari straordinari anche a sostegno di pastori, allevatori e agricoltori.

Per quanto riguarda i danni al patrimonio pubblico, un primo bilancio sulle condizioni della rete viaria è tracciato nella relazione trasmessa all’assessorato regionale all’Agricoltura, nella quale sono state segnalate sette strade gravemente danneggiate, alcune delle quali minacciate anche dal rischio di frane e cedimenti. L’elenco comprende il collegamento di Su Padru, sul rio Banzos, le strade di Donnile, Melas-Puntanarcu, Berzieri, Binzardaini, Coronzu, Campu ’e corte e la Provinciale 24. Per la messa in sicurezza di questo collegamento, che presenta numerosi aspetti critici in corrispondenza del tracciato e delle scarpate, il Comune ha ipotizzato una spesa di 500mila euro. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes