Su Ozieri e Nughedu piovono 400mila euro

Il finanziamento servirà a potenziare il polo sportivo di Puppuruju Centomila euro saranno utilizzati per gli accessi alla struttura di Monte Pirastru

OZIERI. Un fondo da 400mila euro per il Logudoro arriverà dall’assestamento del bilancio regionale votato qualche giorno fa dal Consiglio. 300 mila euro saranno destinati a Ozieri per progetti nel polo sportivo di Puppuruju, che comprende la piscina e i campi da tennis, mentre altri 100 mila saranno destinati a Nughedu per opere di miglioramento della struttura ricettiva comunale di Monte Pirastru. Partendo da questo secondo progetto, i fondi saranno utilizzati, come spiega il sindaco Michele Carboni, «per opere di miglioramento dell’accessibilità della struttura, in particolare con l’abbattimento di barriere architettoniche». La struttura di Monte Pirastru è stata realizzata dal Comune di Nughedu alcuni anni fa e ceduta in gestione a una cooperativa che vi ha creato una struttura ricettiva dotata anche di piscina. Si tratta di un edificio immerso nel verde, nella parte alta del paese al confine con il Goceano, che attualmente conta trenta posti letto e che ha però grandi possibilità di ampliamento. «E’ un progetto sul quale Nughedu, dalle precedenti amministrazioni, ha sempre contato molto - dice il sindaco Carboni - e per questo siamo grati all’onorevole Nico Mundula e a tutto il gruppo di Fratelli d’Italia per aver risposto dopo anni a una richiesta forte che veniva dal territorio e aver dimostrato che l’impegno promesso è tangibile». Lo stanziamento è infatti frutto di un emendamento alla legge di assestamento di bilancio promosso dal consigliere ozierese e sostenuto dal gruppo di Fdi, un traguardo che la coordinatrice locale del partito Barbara Polo definisce in una nota «l’inizio di un lungo percorso in cui Fdi coerentemente cercherà di portare avanti progetti più importanti sempre nell’ottica dell’utilità per il territorio». Interesse collettivo che motiva anche lo stanziamento per il polo sportivo di Puppuruju a Ozieri, dove sono necessari interventi sulla piscina comunale e sui campi da tennis. Per questi ultimi esiste da tempo un progetto (oggetto della richiesta di un altro finanziamento regionale), che però è fermo al palo a causa di un intoppo burocratico: tanti anni fa, al momento dell’acquisizione, il Comune omise di volturare le aree a suo nome e ora occorre rimediare a quell’errore. Sulla piscina, invece, occorrerebbero lavori all’interno e sul tetto. «I progetti saranno frutto di un concorso di idee con le società sportive - dice il consigliere delegato allo sport Giangavino Serra - in linea con la prassi già sperimentata in passato. A breve convocheremo un incontro per ascoltare le loro esigenze e studieremo insieme il modo migliore per investire il fondo appena stanziato. E’ importante rispondere alle precise esigenze dei territori, e per questo auspico che la collaborazione con i nostri rappresentanti in Regione continui anche in futuro».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes