La Nuova Sardegna

Cinema in lutto

Addio all’attore Don Murray, negli anni Cinquanta sfiorò l’Oscar per il film con Marilyn Monroe

di Paolo Martini
Addio all’attore Don Murray, negli anni Cinquanta sfiorò l’Oscar per il film con Marilyn Monroe

L'annuncio della scomparsa è stato dato dal figlio Christopher al "New York Times" senza fornire altri dettagli.

04 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





New York L'attore statunitense Don Murray, che guadagnò una candidatura all'Oscar per il miglior interprete non protagonista per il ruolo di un cowboy da rodeo invaghito di Marilyn Monroe nel film "Fermata d'autobus" (1956), è morto all'età di 94 anni. L'annuncio della scomparsa è stato dato dal figlio Christopher al "New York Times" senza fornire altri dettagli.

L'attore viveva da tempo in un ranch a Goleta, in California. Murray era noto anche per le parti in film drammatici come "Un cappello pieno di pioggia" (1957) di Fred Zinnemann (1957), "La notte dello scapolo" (1957) di Delbert Mann, "Le canaglie dormono in pace" (1961) di Irvin Kershner e "Tempesta su Washington" (1952) di Otto Preminger. Si fece notare, inoltre, come professore universitario alcolizzato in "Sweet Love - Dolce amore" (1967) al fianco di Dick Gregory; come criminale trasformato in cappellano di prigione in "Childish Things" (1969); come venditore di aspirapolvere in "Una vampata di vergogna" (1971); e come il malvagio governatore Breck nel fantascientifico "1999: conquista della Terra" (1972).

Fresco di un ruolo da protagonista a Broadway nel 1955 in "La famiglia Antrobus" di Thornton Wilder, Murray fu scelto dal regista Joshua Logan per interpretare Bo Decker, l'ingenuo cowboy del Montana che si innamora della cantante Chérie (Monroe), in "Fermata d'autobus". Era il suo primo film e all'epoca aveva 26 anni e nel cast c'era anche Hope Lange, sua futura moglie. Murray disse una volta che Monroe volle che i capelli della Lange fossero tinti di marrone chiaro, non volendo condividere lo schermo con un'altra bionda.

Don Murray è stato sposato con Lange fino al 1961, anno in cui la coppia divorziò. Ha poi sposato l'ex modella Bettie Johnson nel 1962 e ha avuto cinque figli: Christopher (attore), Sean (compositore), Patricia, Mick e Colleen, che ha sposato l'artista e musicista Chris Otcasek, figlio di Ric Ocasek dei Cars. Attore dai solidi valori etici, le sue scelte professionali furono spesso motivate dal principio secondo cui il cinema debba essere al servizio della comunità; così la carriera di Murray fu più volte condizionata dal rifiuto di ruoli che si scontravano con la sua concezione della moralità.

In seguito apparve in pochi film, tra cui "Amore senza fine" (1981) di Franco Zeffirelli e "Peggy Sue si è sposata" (1986) di Francis Ford Coppola, per poi diradare ulteriormente le sue apparizioni sul grande schermo. In tv ha recitato in episodi delle serie "Sui sentieri del West", "Alla conquista del West", "Rainbow", "California", "La signora in giallo" e "Twin Peaks".

In Primo Piano
La testimonianza

«Sfinito dopo 10 ore di fuoco», Franco Casula a Orotelli racconta la guerra impari dei Forestali

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative